“A Pontecagnano uno spazio per Vassallo c’era già”/ La lettera

0
114

Riceviamo e pubblichiamo dalla lettrice Grazia Attanasio, in merito all’articolo di Marcello D’Ambrosio sulla presentazione, di ieri, del libro “La Verità Negata”, a Pontecagnano:

“Come cittadina di Pontecagnano ho sentito il bisogno di esprimere il mio rammarico su quanto ho letto, relativamente alla promessa di ” intitolare uno spazio ” al sindaco pescatore. Durante il dibattito nessuno ha ricordato che lo ” spazio c’era già. Che una decisione superficiale, lo ha spazzato via da quella parete, per dare invece spazio al cemento. La decisione di togliere la targa ( così è stato detto in città) era stata dettata dal desiderio di proteggerla. Non si può togliere una targa che fu’ affissa pubblicamente in seguito ad una cerimonia ufficiale, in nome del Sindaco pescatore, per celebrare fondamentali valori della nostra costituzione. Il gesto di togliere la targa l’ha resa ” un pezzo di pietra” , senza più l’ espressione dei valori per cui si batteva Angelo Vassallo. Quei valori ora risultano per me sbiaditi, anche nello stesso articolo di D’ Ambrosio. Risultano peraltro, sbiaditi da interessi legati al danaro, agli affari edilizi, quelli che prevalgono ormai da anni su ogni cosa, che per altre vie che si intrecciano con quelle che portarono all’ uccisione del Sindaco pescatore”.

Articolo precedenteLa destra verso il futuro, la raccolta di inediti di Fabrizio Tatarella
Articolo successivoDisastro granata, Nicola paga il conto: 8 gol dall’Atalanta e difesa che fa acqua

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui