Agosto (Noi di Centro): “Ci sia chiarezza sul Fusandola, ci dicano cosa vogliono fare. Si rispetti la sentenza del Gup”

0
85

“Le notizie drammatiche sul maltempo, sulla fragilità e sul rischio idrogeologico del territorio, aprono oggi più che mai una riflessione sulla cura dei nostri luoghi e in particolare sulla deviazione del Fusandola, il torrente che già tristemente fu protagonista della tremenda alluvione del 1954”. Così il candidato nell’uninominale di Salerno e proporzionale per la Camera dei Deputati con “Noi di Centro”, Oreste Agosto. “Ricordiamo che il corso del torrente è stato deviato per la realizzazione di Piazza della Libertà e del Crescent, che è in atto un processo e che c’è già stata una sentenza di condanna del Gup per uno degli imputati che ha scelto un rito alternativo. In più nelle ultime settimane si sono apprese, da organi di stampa, notizie in merito alla scarsa manutenzione nella zona di Canalone, da dove sorge il torrente per poi sfociare a mare”. “In particolare ribadisco – prosegue l’avvocato Oreste Agosto – l’urgenza di eseguire la sentenza del Gup e quindi il ripristino dello stato dei luoghi e l’adozione dei tutti i provvedimenti per evitare l’accertato rischio esondazione. Atti che fino ad ora non sono stati adottati, nonostante una nota del Ministero della Transizione Ecologica inviata al Comune, al Genio Civile e all’Agenzia del Demanio, il 12 luglio del 2021. Da più di un anno questi enti sono inadempienti e chiedo, ancora una volta, che chi di competenza solleciti il rispetto delle norme e di quanto stabilito, a difesa della sicurezza dei cittadini e della natura”, conclude Agosto.

Articolo precedenteElezioni, Bicchielli (NM): al sud serve progettualità, investire in sviluppo, sicurezza e contrasto al dissesto idrogeologico
Articolo successivoItalia Nostra e Comitato No Crescent: vicenda Crescent non ancora conclusa perchè reati su demanio marittimo ed idrico non soggetti a prescrizione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui