Arcigay Salerno: preghiere contro i pride a Nocera Inferiore, vescovo prenda una posizione ufficiale

0
85

di Marcello D’ambrosio – Nel mese in cui si celebrano i Pride, un momento di festa e di rivendicazione dei diritti e delle uguaglianze, compaiono a Nocera Inferiore, manifesti di un appuntamento religioso in riparazione, si legge, alle offese dei gay pride.

“Pare che queste persone siano rimaste indietro di qualche anno – commenta Francesco Napoli, Presidente Arcigay Salerno. Da molto tempo, infatti, il Pride, e non più Gay Pride, ha assunto una connotazione ampia e trasversale che raccoglie istanze e rivendicazioni di diritti soppressi e la ricerca di un concreto avanzamento dei diritti sociali e civili nel nostro paese. Dispiace che ancora una volta frange estremiste, omofobe e arretrate, della chiesa cattolica si manifestaino in tutto il loro orrore – prosegue Napoli. Un orrore ed una discriminazione che genera dolore e sofferenza in tante e tanti che proprio a causa di questo retaggio e di questo diffuso stereotipo sono vittime di violenze in famiglia come nella società. Ci domandiamo se sia questa la Chiesa di Papa Francesco e confidiamo in una netta e chiara presa di distanze del Vescovo della Diocesi dalla circostanza e da chi l’ha organizzata. Riteniamo che questi episodi siano offensive di una fede cristiana autentica, inclusiva e realmente vicina al dettato evangelico dell’amore incondizionato – continua Francesco Napoli. Questi episodi, che appaiono isolati, ma che raccontano di un sommerso di ipocrisia e di omertà violente e marginalizzanti, intrise di patriarcato, ci incoraggiano a proseguire nelle lotte di rivendicazione e di presa di parola dei nostri corpi e dei nostri affetti.

Per questo, per Cloe Blanco, per tutte le persone vittime di violenza e discriminazione, il 23 luglio saremo in piazza a Salerno per il Pride.

Il nostro come sempre sarà un corteo arcobaleno festoso – conclude il Presidente di Arcigay Salerno- contro il livore di certe posizioni ancora troppo diffuse. Dove gli altri alzano muri imbracciando e umiliando innanzitutto la loro stessa fede, noi costruiamo ponti abbracciando tutti i colori degli affetti e degli amori possibili”.

Articolo precedenteSan Marzano sul Sarno: per la consigliera Oliva per il vicesindaco vi sarebbe conflitto d’interessi
Articolo successivoIgiene e cartelli Centro Storico, Cammarota : la città ha bisogno di autorità, non di ronde

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui