Canottieri Irno: si inaugura la nuova palestra “Tortorella” e si presenta il progetto “Trotula”

0
168

Sabato 8 ottobre, alle ore 11.00, nella sede del Circolo Canottieri Irno di Salerno, sarà inaugurata la nuova palestra intitolata ad Almerico Tortorella, presidente del sodalizio dal 1977 al 1985. “La sua instancabile azione ha contribuito in modo determinante a portare l’Irno agli onori delle cronache sportive nazionali culminati con l’assegnazione al nostro Circolo della Stella d’Oro per meriti sportivi oltre che del personale riconoscimento di Attestato di benemerenza del Coni alla carriera sportiva” – si legge nelle motivazioni del consiglio direttivo. “Ho sempre nella mia mente la nostra trasferta a Roma al Foro Italico sede del CONI nazionale, quando nel 1982 Almerico ritirò dal Ministro Nicola Signorello e dal Presidente del CONI, Franco Carraro, la stella d’oro al merito sportivo. Era la prima volta che una società della provincia di Salerno riceveva il massimo delle benemerenze sportive. Nel pomeriggio fummo ricevuti al Quirinale dal Presidente della repubblica Sandro Pertini ed in quella occasione Almerico Tortorella regalò al Presidente Pertini il nostro distintivo d’oro. Era l’anno dei Mondiali di calcio dell’82!” A ricordarlo Raffaele Ricci, ex direttore sportivo, del Circolo Canottieri e Presidente del CONI della Provincia di Salerno. Sono tantissimi i messaggi ricevuti dalle autorità sportive e civili per celebrare Almerico Tortorella e questo nuovo progetto ispirato a sport e salute del Circolo Canottieri, dal Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca al Sindaco di Salerno Vincenzo Napoli. Nello Talento, imprenditore eclettico e dirigente del Coni, ricorda Almerico Tortorella come un maestro di vita e di generosità: “mise a disposizione “gratuitamente” il terreno dove si costruì nel 1974 il Circolo Tennis Le Querce di Salerno, per lunghi anni un polmone per gli amanti del tennis e straordinaria “location” di eventi sportivi anche a livello Internazionale”. Imprenditore e dirigente sportivo con la sua dialettica raccontava situazioni e cose difficili a rappresentarsi, galantuomo e visionario. E la palestra a lui intitolata sarà la struttura da dove partirà l’innovativo progetto Trotula, che prenderà il via nei prossimi giorni appena dopo l’inaugurazione, una vera e propria iniziativa tra sport e salute. Un progetto gratuito rivolto alle “Pink Ladies” come terapia psicofisica post traumatica per le donne mastectomizzate.

L’iniziativa è promossa dalla Casa di Cura “Villa del Sole” di Salerno, dal Circolo Canottieri Irno di Salerno e dalla Fondazione Scuola Medica Salernitana ed è patrocinata dalla Regione Campania, dal Comune di Salerno, dalla Federazione Italiana Canottaggio e dall’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della provincia di Salerno.

“Lo Sport è una forma di terapia integrata – prosegue Gianni Ricco, medico e attuale presidente del Circolo Canottieri Irno – in questo caso destinata alle donne che si ammalano di tumore alla mammella e che ogni anno sono oltre 55 mila in Italia”. Praticare uno sport può essere considerato un farmaco che in alcuni casi riduce il rischio di recidiva, alleviando gli effetti collaterali delle terapie anti-tumorali ed agendo sull’ansia e sulla percezione del dolore. Studi approfonditi hanno dimostrato che il canottaggio, in particolare, è un valido supporto nel recupero di braccia e tronco con vantaggi anche nel caso di gravi neoplasie in pazienti che hanno mantenuto un buono stato generale di salute. Vogare, infatti, aiuta il recupero e riduce il rischio di linfedema, il rigonfiamento delle braccia a volte legato alla rimozione dei linfonodi. È per questa ragione che il Circolo Canottieri Irno di Salerno ha deciso di implementare, presso la propria struttura, corsi gratuiti di canottaggio per le donne che hanno vinto la lotta contro il tumore alla mammella, ma che necessitano, in un momento così delicato della loro vita, di recuperare l’equilibrio psicofisico. Saranno seguite da un team di esperti professionisti, che darà loro la spinta a rinascere e ritrovarsi.

Antonio Borrelli

Articolo precedenteIl convegno-spettacolo dell’ANC Salerno festeggia 10 anni: presenti i celebri attori Bolignano e Gisonna
Articolo successivoDe Luca: “Italia non può più essere appendice Nato”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui