Cascone: “Viabilità, sanità e ripopolamento dei borghi, le mie tre priorità”

0
93

Viabilità e sanità: due problematiche annose per l’area sud della Provincia di Salerno, e, al contempo, due colonne portanti dell’impegno della Regione Campania. Le tematiche rappresentano i pilastri dell’impegno di Luca Cascone, candidato per il Pd nel collegio uninominale per la Camera dei Deputati di Eboli – Sapri, con le quali l’attuale consigliere delegato alle infrastrutture cercherà di “trasporre” a Roma le numerose attività svolte in ambito regionale. Il finanziamento di due piattaforme per l’elisoccorso, lo sviluppo concreto di programmi di telemedicina, il miglioramento netto della condizione manutentiva delle infrastrutture viarie delle aree interne rappresenteranno alcune delle precondizioni – secondo Cascone – per favorire lo sviluppo di un’area, quella meridionale della provincia, particolarmente complessa e disagiata. Un paradigma, quest’ultimo, che non potrà fare a meno di interventi per scongiurare lo spopolamento dei piccoli borghi del Cilento: sotto questo profilo, importante potrebbe essere, per il candidato dem, l’estensione, su base nazionale, del progetto “Borghi Vivi”.

Consigliere Cascone, il suo impegno in Regione Campania si è focalizzato sulle infrastrutture e sui trasporti. Da parlamentare eletto in rappresentanza di un territorio vasto e complesso come quello che va da Eboli a Sapri, nel quale la viabilità riveste un ruolo fondamentale per facilitarne lo sviluppo turistico ed economico, quali azioni crede di poter mettere in essere?

“La Regione Campania ha investito importanti risorse per tantissimi interventi di viabilità su tutti i territori, con un incessante lavoro di programmazione e un massiccio impiego di risorse. Garantire l’accessibilità dei territori però non significa solo immaginare nuove infrastrutture, ma è indispensabile provvedere costantemente alla manutenzione e all’adeguamento delle infrastrutture esistenti che rivestono un ruolo importante per lo sviluppo di questo territorio.  Un esempio è la ex SR 267 – Via del Mare: da parlamentare del territorio darò seguito agli stimoli dei Sindaci della costa nord del Cilento impegnandomi per il trasferimento di questa strada alla gestione ANAS in modo da assicurare una copertura costante della cura di questa importante arteria, migliorare il livello manutentivo e gli standard di sicurezza, come è già accaduto per la Cilentana. Finalmente i cittadini della area costiera potranno vedere notevolmente migliorata la qualità della viabilità e  centinaia di migliaia di turisti potranno accedere in sicurezza alla bellezza di una delle aree più preziose del Sud della nostra provincia. Si tratta di una proposta concreta che porterò all’attenzione del Parlamento nella prossima legislatura”.

Notevole è stato, anche, l’impegno della Regione Campania sul tema della sanità nel territorio meridionale della provincia di Salerno: da parlamentare eletto, quali saranno le priorità su cui si impegnerà su questo fronte?

“La peculiarità territoriale della provincia di Salerno, le dinamiche demografiche e la conseguente modificazione dei bisogni di salute della popolazione, con una quota crescente di anziani e patologie croniche, rendono necessario un ridisegno strutturale ed organizzativo della rete dei servizi socio-sanitari nella provincia di Salerno, soprattutto nelle aree interne. È sicuramente questa una priorità. L’innovazione tecnologica può dare, da questo punto di vista, un contributo fondamentale, attraverso la messa a punto di modelli assistenziali innovativi incentrati sul cittadino e una maggiore collaborazione tra i vari professionisti sanitari coinvolti e i pazienti. Grazie all’integrazione tra ospedali di comunità e case di comunità, unite al supporto delle risorse umane sanitarie presenti sui territori e che assistono direttamente i cittadini in loco, le modalità di erogazione delle prestazioni abilitate dalla telemedicina possono assicurare equità nell’accesso alle cure, un supporto alla gestione delle cronicità, un canale di accesso all’alta specializzazione, grazie al confronto multidisciplinare a distanza, e un fondamentale ausilio per i servizi di emergenza-urgenza. Nel PNRR sono previsti investimenti importanti per le reti di prossimità, le strutture e la telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale: proporrò che la provincia di Salerno con le sue aree interne sia candidato come territorio pilota per la realizzazione della più grande rete di telemedicina del Paese. Un altro progetto che intendo portare in Parlamento è quello per realizzare due piattaforme opportunamente ubicate a sud della provincia di Salerno per l’elitrasporto al servizio del soccorso per accelerare il trasporto in caso di emergenza e malati gravi”.

Le criticità riscontrate nei settori della sanità e delle infrastrutture vanno di pari passo con lo spopolamento dei piccoli borghi. Un argine, seppur momentaneo, è stato posto con il ricorso massiccio allo smart working ed alla Dad che ha favorito, seppur transitoriamente, il ripopolamento di tante piccole realtà del mezzogiorno. Ma oggi serve una soluzione strutturale: quale sarà il suo impegno su quest’aspetto da parlamentare eletto in rappresentanza della fascia meridionale del territorio salernitano?

“Il mio obiettivo, che rappresenta un’idea concreta che porterò all’attenzione del Parlamento nella prossima legislatura, è quello di estendere la mia proposta di legge regionale ribattezzata “Borghi Vivi” in legge nazionale, in raccordo con la Legge “Piccola Grande Italia” per la valorizzazione dei Piccoli Comuni, assicurando il sostegno anche alle comunità fino a 3.000 abitanti. Serve mettere in essere sostegni economici alla genitorialità, all’avviamento di nuove attività, alla riduzione del gap digitale nelle aree interne e risorse per un rafforzamento dei servizi socio-sanitari alle famiglie, per tutti i cittadini residenti nei piccoli comuni. Dobbiamo preservare e rilanciare questo patrimonio immenso di bellezza, cultura e tradizione, perché sostenere chi resta significa anche consegnare un mondo migliore alle prossime generazioni”.

Articolo precedenteRenzi asfalta De Luca: “Pagherei per vedere un suo comizio per Di Maio”
Articolo successivoMutuo Zero Anticipo casa, la proposta di Impegno Civico

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui