Con “Ali in gabbia” la salernitana Galdi al Premio Sorriso Rai Cinema Channel

0
362

di Marcello D’Ambrosio

Il cortometraggio “Ali in Gabbia” della salernitana Valentina Galdi, che ne ha scritto anche soggetto e sceneggiatura, è una delle tre opere campane selezionate per concorrere al Premio Sorriso Rai Cinema Channel nell’ambito della XV edizione del Festival Internazionale della Cinematografia Sociale Tulipani di Seta Nera. Questa la sinossi: quando la mania del controllo è irrefrenabile e l’amore diventa ossessione, i retaggi culturali del passato si riaffermano, le relazioni di potere tra maschile e femminile involvono… E il carnefice può avere qualsiasi volto, anche quello che non ti aspetti. Prodotto totalmente indipendente, il cortometraggio tratta il delicato tema del femminicidio ed è interpretato magistralmente da due giovani volti del panorama artistico quali Gabriele De Cenzo e Jessica Truda. Il cast tecnico è formato da Vincenzo Giannone direttore della fotografia, Giovanni Rocco montaggio, Gaetano Antonucci fonico di presa diretta, Emanuele Rocco post-produzione audio e Flavia Niro make-up, coadiuvati da altri artisti emergenti provenienti da USA, Turchia e Francia per le musiche e le grafiche. Il Festival, presieduto da Diego Righini e realizzato dall’associazione di promozione sociale Università Cerca Lavoro, ha l’obiettivo di incentivare la realizzazione di opere (cortometraggi, documentari, #socialclip, digital series) che sappiano valorizzare il concetto di diversità e altre importanti tematiche sociali. La rassegna, ormai giunta alla sua quindicesima edizione, si terrà a Roma dal 5 all’8 Maggio, ma le opere scelte per le 4 sezioni in concorso saranno visibili a partire dal mese di aprile sulla piattaforma realizzata da Rai Cinema Channel in collaborazione con Rai per il Sociale alla pagina www.tulipanidisetanera.rai.it.

Articolo precedentePontecagnano, donna picchiata da marocchino. Cirielli (FdI): “Inaccettabile, presenterò interrogazione parlamentare”
Articolo successivoI sistemi deluchiani e l’immobilismo delle opposizioni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui