Covid: allarme lanciato da maestra, soccorse madre e figlia

0
148

Preoccupata per la chiusura repentina della lezione in dad da parte di una sua alunna per l’intervento della madre, una maestra ha chiamato il 112 perche’ convinta che a casa della ragazzina ci fossero problemi. Ed era cosi’. Madre e figlia, residenti a Salerno, sono positive al Covid e si stavano curando male. Lo hanno accertato i carabinieri della Compagnia di Salerno e i sanitari del 118, chiamati per verificare le condizioni di salute delle due. La donna ieri pomeriggio non apriva la porta neanche ai militari dell’Arma, che hanno convocato un carabiniere negoziatore e i vigili del fuoco. Dopo circa due ore di colloquio, la donna si e’ convinta ad aprire la porta d’ingresso dell’abitazione e, solo dopo un altro quarto d’ora di mediazione, si e’ lasciata visitare dal medico presente; era in uno stato di parziale confusione probabilmente causato da un errato uso dei cortisonici utilizzati per curare il Covid-19. I carabinieri hanno convocato anche l’ex compagno, pure lui positivo al coronavirus, a cui hanno chiesto di restare in casa finche’ la situazione non torna alla normalita’. Il comportamento della donna, secondo quanto si e appreso, e’ da ricondurre all’uso sbagliato dei farmaci.

Articolo precedentePeduto: “A breve ci sarà una riconvocazione del tavolo del centrodestra”.
Articolo successivoPolichetti (Udc) replica alle accuse di Fdi: “La nostra è la politica del confronto, non dei due forni”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui