De Luca: situazione Covid molto più grave rispetto a un anno fa, il governo non sta facendo nulla

0
200

“Dal raffronto tra i dati di giugno 2021 e quelli di oggi – spiega il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nella consueta diretta Fb – dimostrano un incremento dei casi. Dai 120 positivi del 30 giugno 2021 ai 10mila positivi di ieri, dai 218 ricoveri di un anno fa ai 450 di oggi, dai 20 in terapia intensiva di allora ai 27 di oggi. Un anno fa in isolamento c’erano 7800 positivi, oggi ci sono 110 mila cittadini”. Per De Luca “il problema sta diventando serio. E’ necessario fare la quarta dose per gli anziani ultraottantenni. Corriamo il rischio di avere picchi pesanti già a fine luglio, ovvero prima dell’autunno. Bisogna tornare a mettere la mascherina. Ci sono stati eventi musicali all’aperto, con decine di migliaia di persone senza mascherine, da Salerno a Napoli…”.

Per De Luca la Campania resta la regione che registra il numero più basso di decessi in relazione alla popolazione, ma di fronte alla ripresa del contagio bisogna ridefinire il piano di contrasto al Covid. “Ci sono alcuni ospedali come Cardarelli o Caserta dove i posti Covid sono già occupati al 100 per cento. In generale abbiamo il 60 per cento di occupazione dei ricoveri ordinari e il 40 per cento di occupazione delle terapie intensive”.

Il piano A che la Regione prevede comporta la chiusura graduale di reparti ordinari di fronte all’aumento del numero di pazienti Covid. “Questo determinerà problemi per pazienti che hanno patologie diverse dal Covid, ma non possiamo avere pazienti per terra” aggiunge il governatore. In questo piano A è previsto l’uso di farmaci antivirali con impiego straordinario di medici di famiglie e di farmacie, poiché difficilmente saranno riaperti i centri vaccinali come abbiamo visto durante le fasi dell’emergenza.

In Campania i posti di ricovero Covid occupati sono 770, mentre i posti Covid in terapia intensiva sono 76.

Il presidente della Regione attacca sulla sanità poi il governo Draghi. “Non sta facendo nulla” dice. “E’ come se non avessimo il ministero della Salute nel nostro Paese, navighiamo a vista, non si è deciso nullo sull’obbligo della mascherina, né c’è il riparto dei fondi sanitari nazionali. E’ sconcertante, Roma non esiste. La Campania è in contenzioso con il governo sul riparto”.

Articolo precedenteCamorra: sequestri case e conti a esponenti clan Cuomo di Nocera Inferiore
Articolo successivoCovid, Speranza: le polemiche fanno male a chi le fa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui