DL Sostegni: si va di rinvii

0
119

di Piergiorgio la Guardia

Tiene ancora banco nella larga maggioranza che sostiene il governo Draghi la questione del Dl Sostegni, che anche questa settimana è destinato ad esser rinviato, nonostante soprattutto in casa 5 stelle si stia sollecitando di approvarlo il prima possibile.

Il Dl Sostegni infatti sarebbe finanziato in deficit con i 32 miliardi di scostamento di bilancio approvati in gennaio con l’esecutivo Conte Bis ancora in carica, ma era ripartito in maniera tale da allocare 25 miliardi ai ristori diretti e 7 per le CIG in deroga e le Naspi. Il ministro dell’Economia Daniele Franco, noto sostenitore del pareggio di bilancio e dei conti in ordine, non sembra voler accelerare sul fronte ristori, anche se si sta lavorando a varie ipotesi di bozze.

Le bozze di gennaio del DL Ristori iniziavano a superare il vincolo dei codici Ateco per tentare di coprire le categorie scoperte, e si sta cercando di capire se confermare la bozza in oggetto. Oggi invece scadono gli adempimenti fiscali e l’intenzione dell’esecutivo è quella di cancellare gli adempimenti fiscali fino ad €5000, ma c’è chi insiste per arrivare ad €10.000 .

Freme l’attesa per il Dl Sostegni con diverse categorie che protestano in piazza. Il settore della lirica, ad esempio, è stroncato dalla pandemia, infatti molti addetti ai lavori adesso si stanno reinventando. Non molto meno critica è la situazione delle agenzie di viaggio che lamentano di essere schiacciate senza ristori dalla concorrenza sleale dei grandi players dei mercati sovranazionali.

Articolo precedenteAldo Moro, 43 anni fa il suo sequestro
Articolo successivoCiarambino: “C’è volontà di replicare a Napoli l’ottima esperienza del Conte bis”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui