Jack is back, il ritorno del serial killer raccontato al SalerNoir

0
72

di Vincenzo Sguerra

Il 15 Luglio è stato presentato il libro “Jack is back” di Stefano Tura al Club Velico, in occasione del SalerNoir festival. “Fumo di Londra”: questo il tema scelto della serata. Pina Masturzo e Franco Roseto sono stati i relatori della serata.

Derrick Brainblee è un poliziotto londinese astuto e affidabile, con una carriera solida alle spalle. Nonostante le sue grandi abilità, Derrick nasconde un segreto: è perseguitato da continui blackout, soprattutto negli ultimi tempi.

Un giorno riceve un messaggio da uno sconosciuto su instagram, una foto sconvolgente, agghiacciante, che darà inizio al filone noir del romanzo. Il file ritrae una donna con la gola squarciata, accompagnata dall’hashtag #jib. Dopo pochi istanti però l’immagine scompare nel nulla, come se la chat con lo sconosciuto non fosse mai esistita, come se quella donna non esistesse, scomparsa nell’oblio.

Il poliziotto prova strane sensazioni, inizia a collegare i vari “tasselli” dei suoi blackout e crede ci sia un filo conduttore. Ma Brainblee non ha prove sufficienti per indagare insieme alla polizia, dovrà farlo da solo. Una cosa è certa: c’è un killer a Londra che sembra inafferrabile e misterioso, avvolto dal velo del macabro e pronto a spettacolarizzare le sue uccisioni.

Stefano Tura, giornalista e scrittore, nasce il 20 Gennaio 1961 a Bologna, e ha vissuto a Londra per più di dieci anni. Il romanzo “Jack is back” è stato progettato lungo un arco temporale di quindici anni.

Per tutto questo tempo lo scrittore si è posto la seguente domanda: “come raccontare Jack?”, la città londinese ne parla fin troppo ma le versioni risultano contrastanti ed inoltre non si conosce ancora la vera identità dello squartatore.

L’evento determinante per la nascita del libro è stato la “Brexit”, “un ritorno al passato che potrebbe causare vari contrasti nel popolo inglese”, ribadisce Tura.

Le sfumature macabre della Londra vittoriana trasposte nella contemporaneità sono lo sfondo perfetto per il ritorno di Jack, mistero ed efferatezza si intrecciano nel fascino del Noir.

Articolo precedenteTra volontà di cambiamento e sfiducia: la parola ai giovani in vista del voto
Articolo successivoLa Salernitana è (troppo) provvisoria e incerottata: perde il match di Coppa Italia e pure Bohinen

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui