Landolfi: il commissariamento è un ripiego, Boccia figura autorevole, ha prevalso logica correntizia

0
103

di Marcello D’AmbrosioNicola Landolfi, come presidente dell’assemblea regionale del PD, si è battuto fino alla fine per la surroga, con l’ingresso dei primi non eletti al posto dei dimissionarii. Una soluzione certamente più politica rispetto allo scioglimento dell’assemblea, come poi è avvenuto. L’impossibilità di eleggere il nuovo segretario regionale ha determinato il commissariamento del partito regionale. Una soluzione forse “burocratica” che segna una sconfitta della politica. Quale pensa debbano essere i passi del commissario Francesco Boccia, in prossimità delle elezioni politiche? Ci sono i margini per l’indizione di un congresso regionale prima della scadenza elettorale del 2023?La soluzione era inevitabile, la scelta è stata autorevole. Commissariare è sicuramente una soluzione di ripiego, anche perché è prevalsa (nelle dimissioni di alcuni membri dell’assemblea ) la logica delle correnti rispetto all’unità. Boccia dovrà recuperare lo spirito di una comunità politica che può essere decisiva per le sorti dei tanti enti che si governano. Credo che il Congresso si terrà, comunque, dopo le elezioni del ‘23“.

Articolo precedenteIl prefetto di Salerno con sindaci Costiera Amalfitana su criticità circolazione SS 163
Articolo successivoNon si ferma all’alt, vigili di Vietri inseguono e fermano un scooterista senza patente e con stupefacenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui