Le Rondinelle (non) fanno Primavera, l’ippocampo sì: Bogdan regala il terzo posto alla Salernitana

0
91

TABELLINO  – 

SALERNITANA-BRESCIA 1-0

SALERNITANA (3-5-2): Belec; Bogdan, Gyombér, Veseli; Casasola, Coulibaly (90′ Schiavone), Di Tacchio, Anderson (66′ Capezzi), Jaroszynski (85′ Kupisz); Tutino (85′ Cicerelli), Gondo (65′ Djuric). A disp: Adamonis, Durmisi, Mantovani, Sy, Boultam, Kiyine, Kristoffersen. All: Castori.
BRESCIA (4-3-1-2): Joronen; Karacic, Cistana, Chancellor, Martella (81′ Ghezzi); Bisoli (55′ Ndoj), Van de Looi (55′ Donnarumma), Bjarnason; Jagiello (55′ Labojko); Ayé, Ragusa (69′ Pajac). A disp: Kotnik, Mateju, Mangraviti, Papetti, Fridjonsson. All: Clotet.

Arbitro: Santoro di Messina (Bresmes/Margani). IV uomo: Camplone di Pescara.

Note: Marcatore: 25′ Bogdan; Angoli: 7-3; Ammoniti: Gondo (S), Ayé, Ndoj, Chancellor (B); Recuperi: 0′ pt e 4′ st

È una Salernitana che ci crede, fino alla fine, quella che alza il sipario e mette in scena la tanto ricercata vittoria in casa Arechi, contro il Brescia di Clotet che torna a casa a mani vuote. Una testata di Luka Bogdan, nel posticipo della domenica sera regala agli uomini di mister Castori il terzo posto nella classifica del campionato cadetto, un punto sopra il Monza che rimane a 50 punti. Cinquantuno punti, di cui tre conquistati con una grande prestazione questa sera sul rettangolo verde casalingo che rompe finalmente la maledizione dei pareggi. Sa ancora vincere dunque l’ippocampo che adesso – con una pausa di mezzo – penserà già al prossimo match (quello del 2 aprile) contro un Lecce che dopo aver vinto e convinto è più sopra di un solo scalino (52 punti). Niente possono le Rondinelle contro capitan Di Tacchio e compagni, che compatti hanno dominato gli avversari per 94 minuti, non solo dimostrando il vero punto di forza della squadra (la difesa) ma creando tante occasioni nello specchio della porta avversaria, violata nel primo tempo da Bogdan. Superlativa la Salernitana, non lascia scampo e crea più volte azioni che sorprendono il portiere avversario ma non lo trovano impreparato. Adesso tra impegni nazionali e la pausa, parola d’ordine è non perdere la concentrazione. Testa al Via Del Mare di Lecce il 2 aprile per lo scontro diretto che potrebbe valere già un pass per la prima porta di ingresso…

Articolo precedenteIn diretta streaming il confronto con il Sindaco Giuseppe Lanzara sul tema Ecodistretto
Articolo successivoEnergie continua a crescere. Giuseppe Palo aderisce al movimento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui