Marina d’Arechi: un weekend all’insegna dei superyacht 

0
304

Passeggiare nel porto di Marina d’Arechi significa spesso poter ammirare dei veri e propri “gioielli” della cantieristica navale. Il fine settimana che si è appena concluso infatti ha fatto registrare un flusso di 24 imbarcazioni dai 40 ai 91 metri ormeggiate.

Si tratta del miglior risultato dalla nascita del Salerno port village, come numero di superyacht ospitati contemporaneamente.

Pieno nelle due giornate di sabato e domenica, il pontile dedicato ai superyacht, con imbarcazioni provenienti da otto nazionalità diverse.

Ospite speciale il m/y di 91 metri ormeggiato al molo di sottoflutto, una imbarcazione da sogno realizzata dal cantiere olandese Oceanco.

Un risultato che premia il lavoro portato avanti in questi mesi nella definizione di nuovi servizi sempre più vicini alle esigenze di comandanti, armatori, yacht and charter manager, agenzie e operatori, grazie anche alla nascita di MDA Yachting & Lifestyle, la nuova società di Marina d’Arechi dedicata ai super e maga yacht.

Marina d’Arechi nasce con una visione internazionale, volta all’eccellenza dei servizi e alla cura degli ospiti.

Con un’infrastruttura green, moderna e innovativa, può accogliere qualunque tipo di imbarcazione in ogni momento dell’anno e con qualunque tempo atmosferico.

A completare l’offerta dedicata ai superyacht, il nuovo Helipad, operativo dalla metà di luglio, per consentire l’atterraggio e la partenza di elicotteri direttamente al marina.

L’Elisuperficie è collocata su uno spazio di circa 2.000 metri quadrati ed è costituita dall’area di atterraggio, delimitata e recintata e da un’area di rispetto laterale al fine di poter migliorare la fruibilità in tutte le condizioni di esercizio.

Sarà possibile usufruirne per collegamenti “Heli-shuttle” con gli aeroporti di Napoli e Roma, oltre che per raggiungere velocemente le vicine isole di Capri e Ischia.

L’Helipad è stato progettato per garantire anche le migliori condizioni di privacy e sicurezza per altre tipologie di transfer privati.

L’assenza di particolari ostacoli posti nelle immediate vicinanze, le condizioni di perfetta visibilità che il sito garantisce praticamente tutto l’anno e le condizioni di safety e security proprie dell’area del Porto Turistico Marina d’Arechi renderanno la nuova elisuperficie come una delle migliori strutture presenti nell’area campana.

Per arrivare all’infinito, e credo vi si possa arrivare, abbiamo bisogno di un porto, di uno soltanto, sicuro, e da lì partire verso l’Indefinito.
(Fernando Pessoa)

Articolo precedenteSalerNoir: le notti di Barliario, il genere Noir raccontato dalla città di Salerno
Articolo successivoSport, da Regione risorse per ripristino impianti agonistici. Pellegrino (Iv): “ Grande opportunità per attività nelle Aree interne e rilancio Centro Sportivo Meridionale di San Rufo”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui