Orientale (Memoria in Movimento): con Clementina scompare un altro pezzo del movimento operaio salernitano

0
137

di Marcello D’Ambrosio – “Numerosi sono stati gli incarichi che lei da dirigente ha avuto nella CGIL, che ha sempre ricoperto con passione e grande slancio, con una cultura operaia incredibilmente forte. L’ultimo lavoro che facemmo insieme, io e lei, risale a quando da segretario confederale seguivo il dipartimento ambiente e territorio, di cui lei faceva parte, e insieme organizzammo la prima iniziativa sull’ipotesi di un nuovo piano regolatore del comune di Salerno. Il caso volle che quell’iniziativa che facemmo al Jolly Hotel fu la prima fatta neanche una settimana dopo la delibera, la primissima delibera del comune di Salerno, che dava incarico a Bohigas per la redazione del piano. Fu una bella iniziativa nella quale il sindacato, la CGIL, avanzò le proprie proposte, putroppo rimaste inascoltate, e ancora oggi ne vediamo gli effetti nella città di Salerno”. Questo il ricordo di Clementina Cammarota da parte del presidente della associazione “Memoria in Movimento”, che racconta ancora che Clementina Cammarota fu “tra l’altro ispiratrice del sindacato dei lavoratori della comunicazione, evoluzione, come racconta lo stesso Orientale, del sindacato delle cartiere e delle tipografie, avviando un lavoro in un ambito delicatissimo come quello della comunicazione”. “Con la sua scomparsa va via un ulteriore pezzo del movimento operaio salernitano”, conclude Orientale.

Articolo precedenteCava, al liceo De Filippis Galdi la Notte Bianca dei licei
Articolo successivo“Yohiro”, il cortometraggio del salernitano Luigi Di Domenico al Festival Internazionale del Cinema di Salerno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui