Overline Jam, Baronissi torna capitale dei graffiti

0
77

Dopo due anni di stop forzato, a Baronissi torna Overline jam, la rassegna internazionale di graffiti e street art. La quattordicesima edizione prenderà il via venerdì 29 luglio nella storica location di Parco della Rinascita e proseguirà fino a domenica 31 luglio. Quaranta i writers provenienti da ogni parte d’Europa che si esibiranno sulla murata sottostante l’antico convento francescano, interpretando il tema dei video game. Un’attrazione unica che richiamerà nella città della Valle dell’Irno visitatori provenienti da ogni angolo della regione. Organizzato dall’associazione Overline e patrocinato dal Comune di Baronissi, Overline jam è infatti uno degli appuntamenti consolidati del movimento graffitaro.
Una “classica” che racchiude al suo interno tutte le discipline del genere hip hop: la parte musicale, coordinata da dj Marcellino, prevede le esibizioni di dj Seby & dj Fakser (venerdì ore 21); Dj Delta (sabato ore 22) e dj Gruff (domenica ore 22).
Non mancherà lo sport con l’area gonfiabili allestita da Decathlon, il crossfit l’area skate ed il torneo di street basket tre contro tre. Come da tradizione ci sarà spazio anche per la battle di breaking in programma venerdì 29 luglio alle 19. Nel corso della tre giorni sarà possibile partecipare al concorso fotografico “Anna Gallo” che quest’anno avrà come tema “Il gioco…esci fuori a giocare con noi”. «Dopo due anni difficili sentivamo l’esigenza di restituire al nostro pubblico questa jam», spiega Michelangelo Quaranta, presidente dell’associazione Overline. «Abbiamo allestito un programma ricco e che, siamo certi, richiamerà a Baronissi tantissimi appassionati del genere hip hop. Il valore artistico della jam, anche quest’anno, sarà molto alto. Ma la cosa più bella sarà ritrovarsi per condividere insieme valori, amicizia e tanto divertimento».

Articolo precedenteConsiglio comunale; Italexit: “Salerno non merita questo teatro. Dimissioni subito!”
Articolo successivoM5S, Saiello: “Navigator campani ostaggi della cattiva politica regionale”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui