Parte “Le notti azzurre”, il programma estivo pensato per Cetara

0
138

Il Comune di Cetara riparte con il cartellone estivo “Le Notti Azzurre”, presentando una serie di rassegne che accompagneranno l’estate dei cetaresi e dei turisti. A qualche giorno dalla festività patronale, infatti, inizieranno gli spettacoli per tutte le fasce d’età. Si parte il sabato 2 luglio, alle ore 21, con la rassegna Endless, la quale negli ultimi anni si è sempre distinta per aver raccolto la popolazione più giovane del borgo, con l’alternanza dei gruppi musicali più conosciuti della nostra regione o anche a livello nazionale. Si prosegue con gli eventi organizzati dall’instancabile Forum dei Giovani, fino alla rassegna Im/Npari, per le Pari Opportunità. “In questi ultimi anni diverse amministrazioni locali e regionali hanno avviato politiche per favorire l’inclusione sociale delle persone omosessuali e transessuali, sviluppando azioni positive e promuovendo atti e provvedimenti amministrativi che tutelassero dalle discriminazioni. In Italia, infatti, le persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e transgender (lgbt) non godono ancora di pieni diritti e spesso vivono situazioni di discriminazione nei diversi ambiti della vita familiare, sociale e lavorativa a causa del perdurare di una cultura condizionata dai pregiudizi. Risulta pertanto importante l’azione delle Pubbliche Amministrazioni per promuovere sul piano locale politiche che sappiano rispondere ai bisogni delle persone LGBT”, come si legge dalla comunicazione di RE.A.DY, la Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere. «Anche il Comune Di Cetara da oggi fa parte di queste amministrazioni, garantendo la piena adesione alla rete e promuovendo come primo atto, lunedì 4 luglio, alle 19.45, presso la Piazzetta della Torre Vicereale, l’incontro con l’On. Vincenzo Spadafora che, per l’occasione, presenterà il suo libro “SENZA RISERVE”», ha dichiarato il Sindaco Fortunato Della Monica. L’idea è partita dal consigliere delegato alla Cultura e Pari Opportunità, Cinzia Forcellino, che ha manifestato l’intenzione di portare avanti una serie di giornate dedicate ai temi più sensibili e delicati, favorendo una discussione e smuovendo coscienze, con il supporto del consigliere delegato al Turismo e agli Spettacoli, Daniele Luigi D’Elia, e a tutta l’Amministrazione Comunale. «Sicuramente parliamo di qualcosa di nuovo o comunque non velato né sottinteso. In queste tre giornate ci dedicheremo ai grandi temi che si affrontano quotidianamente, ma che spaventano per i retaggi culturali a cui siamo abituati. Innanzitutto devo ringraziare il Sindaco Della Monica per avermi permesso di dare la mia personale visione di cultura, al mio compagno di delega, Daniele, per aver accolto le mie idee e a tutta l’Amministrazione per aver supportato questa visione. Devo, però, ringraziare soprattutto l’on. Vincenzo Spadafora per aver accettato il nostro invito, soprattutto dato il momento politico delicato», ha concluso il consigliere Cinzia Forcellino. «Dopo due anni di difficoltà, quest’estate sarà per noi la ripartenza. Affronteremo sicuramente nuove sfide e ci confronteremo con la pandemia che ancora non si arresta, ma daremo il nostro contributo affinché tutti possano godersi Cetara non solo di mattina. La nostra estate è stata pensata per tutte le fasce d’età, ritroveremo le associazioni degli anni passati, come AMI CETARA e FRANGENTI, ma scopriremo anche una nuova location per i nostri spettacoli, presso l’arena del mare, la piattaforma sita alla fine del porto. È stato un lavoro estenuante che ha portato noi tutti a giorni di lavoro intenso e il Sindaco a relazionarsi su più fronti per le diverse novità di quest’anno», ha dichiarato il consigliere, Daniele Luigi D’Elia.

Articolo precedenteM5S, Bilotti: “Più servizi al cittadino nei piccoli comuni delle aree interne”
Articolo successivoGiffoni Sei Casali, il sindaco Munno ha formato la nuova giunta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui