Patenti nautiche ‘acquistate’: quattro arresti, 70 indagati

0
190

Al termine di un’articolata e complessa indagine condotta dalla Procura della Repubblica di Salerno, durata circa otto mesi, la Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Salerno ha eseguito un’ordinanza cautelare a carico di 4 persone, nonché 70 perquisizioni domiciliari su tutto il territorio nazionale nei confronti, complessivamente, di 70 indagati. In carcere è finito Alfonso Ruggiero, in servizio presso la Capitaneria salernitana; ai domiciliari, invece, Gennaro Russo, Francesco Afeltra e Gaspare Raimo.

Secondo quanto ritenuto dal gip, le indagini hanno consentito di scoprire plurime condotte delittuose volte al rilascio di patenti nautiche, ‘acquistate’ grazie al pagamento di somme di denaro, senza che i beneficiari avessero sostenessero il relativo esame teorico e pratico, con la complicità di un sottufficiale della Capitaneria di Porto. Le investigazioni, avviate a seguito di alcune anomalie riscontrate nel corso di un’ordinaria verifica interna sulle procedure di rilascio delle patenti nautiche, si sono sostanziate in complesse attività di indagine, svolte con l’ausilio di intercettazioni telefoniche e ambientali nonché attraverso servizi di osservazione, controllo e pedinamento di indagati.

Nel provvedimento cautelare sono contestati, a vario titolo, i delitti di falsità materiale ed ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio. Le settanta perquisizioni domiciliari hanno avuto come finalità la ricerca delle patenti nautiche ed altro materiale utile alle indagini. All’esito delle perquisizioni sono stati sequestrati titoli abilitativi e denaro contante per un totale di più di 50.000 euro, ritenuto profitto dei reato di corruzione.

Secondo l’ipotesi accusatoria, ritenuta fondata allo stato delle investigazioni e destinata ad essere ulteriormente valutata nelle ulteriori fai del giudizio, le patenti nautiche, rilasciate su stampati autentici e ritualmente registrate agli atti d’ufficio, per farle risultare ad un primo e superficiale controllo regolari, venivano consegnate a fronte di un pagamento che per l’acquirente finale, poteva variare dai 2mila ai 3mila euro a seconda degli intermediari e dell’abilitazione richiesta (entro le 12 miglia o senza limiti). Le patenti acquisite illegittimamente, pertanto, sarebbero state “vendute” a persone residenti su tutto il territorio nazionale, facendo di Salerno una sorta di centrale operativa e di smistamento dei titoli abusivi.

Articolo precedenteL’importanza della digitalizzazione per le PMI e per gli studi professionali
Articolo successivoResort di lusso sulla spiaggia di Velia-Ascea: Casciello (FI) interroga Franceschini e Cingolani

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui