PD Battipaglia: la città non perda l’ennesimo treno dei finanziamenti, in ballo c’è la sicurezza dei nostri cittadini

0
41
Raviele

“Il Ministero dell’Interno ha messo a disposizione 30 milioni di euro per migliorare la videosorveglianza nei comuni al di sopra dei 20mila abitanti, e in quelli che negli ultimi anni hanno subito uno scioglimento per infiltrazioni mafiose: Battipaglia non perda l’ennesima occasione su un terreno che ci vede decisamente indietro rispetto alle altre città. Mai come in quest’ultimo anno il tema della sicurezza è tornato al centro dell’agenda politica a causa dei numerosi episodi di microcriminalità, dal centro alle periferie indistintamente, rimasti come sempre impuniti a causa dell’assenza di un impianto di videosorveglianza che sia all’altezza di una città che conta quasi 50mila abitanti e capofila della Piana del Sele. Sono 219 i comuni che potranno partecipare e ottenere il finanziamento, 66 dei quali solamente nella regione Campania. Giova ricordare che i tempi per candidarsi sono ancora agevoli: fino al 20 ottobre Battipaglia potrà presentare tutta la documentazione necessaria. L’assessore alla sicurezza della Regione, Mario Morcone, in una lettera estesa a tutti i sindaci della Campania ha ricordato l’importanza di questo bando, e la possibilità di ottenere il finanziamento per tutti quei Comune che non hanno ancora ricevuto soldi per la videosorveglianza. E Battipaglia e tra questi. Il gioco, inoltre, vale la candela: gli unici costi a carico dell’Ente saranno quelli di manutenzione per i primi 5 anni. Con l’augurio che gli amministratori locali non si lascino scappare l’ennesima occasione. Perché la storia, fino ad oggi, è stata, ahinoi, cattiva maestra”. E’ quanto si legge in una nota diffusa dal Pd battipagliese guidato da Anna Raviele.

Articolo precedenteMaraio: “Da Psi ok a lista con Pd, Art.1, Demos”
Articolo successivoSalerno, impianti sportivi: i canoni aumentano del 20 per cento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui