Pontecagnano, Zoccoli (Meetup): M5S primo partito e argine a destre, ora guardiamo al 2023

0
101

“Con il risultato del 28% il Movimento 5 Stelle si posiziona primo in città, il partito più votato dai cittadini di Pontecagnano Faiano. Come gruppo territoriale vogliamo ringraziare i pontecagnanesi per la fiducia concessa, l’andamento in città rispecchia quello del sud Italia, che in questa forza politica ha trovato finalmente l’attenzione che merita. Una reazione delle urne che corrisponde al grande lavoro fatto nella nostra comunità, basta portare tre esempi: il finanziamento di grandi opere strategiche, come l’Aeroporto Casta d’Amalfi di Pontecagnano; l’ottenimento dei fondi per l’edilizia scolastica con il finanziamento della ricostruzione ex novo del plesso di via Dante Alighieri, con l’obiettivo di creare strutture sicure, moderne, inclusive e sostenibili e della scuola di via Lucania; la possibilità per l’amministrazione di utilizzare lo strumento dei Progetti di Utilità Collettiva (PUC) – (ultima Delibera di Giunta N. 161 del 25/08/2022) per il reinserimento attraverso un percorso di partecipazione utili alla collettività, che si traduce in un patrimonio di 16 ore a settimana di forza lavoro che i percettori di Reddito di Cittadinanza devono in questo caso dedicare alla riqualificazione delle aree verdi della città. Queste e tante altre azioni hanno reso il Movimento una forza credibile, una realtà che parla con gli imprenditori ma che sa guardare a chi è in difficoltà tendendogli una mano, diventando, soprattutto al sud, il vero argine alla destra del turbo liberismo e dell’autonomie differenziate. Il Movimento si afferma soprattutto come partito del sud, con una sfida quella della questione meridionale che ogni anno si traduce in un esodo dei nostri giovani al centro nord in cerca delle condizioni per costruirsi una vita migliore e non solo lavorativamente. Conte leader del sud ha messo al centro della campagna elettorale quanto sia necessario sanare il divario tra queste due realtà territoriali per il bene di tutto il sistema paese. Resta il dato, difficile da digerire, dell’astensionismo primo vero partito in città con oltre il 40%, dato che fotografa un allontanamento dalle urne figlio di una politica fatta di scelte prese in famiglia, di mancanza di ascolto e di carenza di trasparenza amministrativa. Una forza quella dei Cinque Stelle che in tutta la provincia di Salerno ha fatto bene e che viene individuata ancora dai cittadini come disponibile all’ascolto e meritevole di fiducia. Sarà nostro onere alle prossime amministrative del 2023 fare la nostra proposta per rispondere alle istanze dei cittadini attraverso una visione diversa rispetto a quanto sino ad oggi ha meritato la nostra città”. Cosi Matteo Zoccoli, del Meetup di Pontecagnano Faiano sul risultato elettorale conseguito dal Movimento 5 Stelle.

Articolo precedenteCampania, ecco i deputati eletti sugli uninominali
Articolo successivoBattipaglia Radici e Valori:ora progetto unitario del centrodestra per Battipaglia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui