Premio Charlot da 300mila euro. E’ l’unico evento all’Arena del Mare

0
315

Sotto un cielo di…finanziamenti, anche quest’anno va in scena il premio Charlot che ritorna a “pieno servizio” dopo la pandemia da Covid-19. Se in città a Salerno si fa il pari e dispari per far quadrare i conti e la manutenzione del verde pubblico che lascia a desiderare, con la città abbandonata a se stessa, c’è la cultura da salvaguardare che fa anche il pieno di…soldi ma solo per alcuni, tra i “volti noti” salernitani. Ammonta a 300mila euro – infatti – il finanziamento che dalla Regione passa al Comune e da Palazzo di Città passa direttamente alla kermesse che si terrà nel mese di luglio. Fa dunque “asso piglia tutto” il direttore artistico, con una Salerno che vedrà – probabilmente – a questo punto nessun’altro appuntamento culturale estivo. Come si legge nella delibera pubblicata sul sito del Comune di Salerno infatti “la Giunta Regionale della Campania, nell’ambito delle iniziative regionali afferenti gli eventi turistici di rilevanza internazionale nei capoluoghi di provincia, ha destinato al Comune di Salerno un finanziamento di € 300.000,00; ha invitato il Comune di Salerno, al fine di consentire l’attivazione della procedura necessaria all’acquisizione della disponibilità contabile dei fondi, ritenuto di proporre alla Giunta regionale della Campania Direzione Generale per le Politiche culturali e il Turismo – si legge nel documento – per l’ammissione al finanziamento previsto il progetto “Premio Charlot 2022”, rilevato inoltre che il progetto esecutivo prevede una spesa complessiva per l’intera manifestazione di € 300.000,00 e considerato che la spesa prevista per la realizzazione della manifestazione troverà copertura mediante il finanziamento di cui alla DGRC n. 566 del 07/12/2021 “Piano strategico Cultura e Beni Culturali 2022 con cui è stato previsto per il Comune di Salerno un importo pari a € 300.000,00, delibera di stabilire che la spesa per la manifestazione, pari a € 300.000,00 troverà copertura sul finanziamento “Piano strategico Cultura e Beni Culturali – Programmazione 2022” ; e di impegnare la spesa di € 300.000,00 per la realizzazione della manifestazione”. Tra premi, cachet ad artisti verranno impegnati circa 230mila euro, mentre per la “comunicazione” circa 8mila euro. Un evento – presentato non più tardi di una settimana fa – che sarà a questo punto esclusivo a Salerno, data la difficoltà nel reperire fondi per altri eventi culturali in città, come sottolineato più volte da consiglieri di maggioranza e opposizione all’interno delle commissioni consiliari. Piatto piange….ma al premio della comicità (giustamente) si ride. Il 24 giugno intanto sono state presentate nel Salone della Gonfalone di Palazzo di Città, a Salerno, la 34esima edizione della Premio Charlot e la ventesima edizione del Sea Sun, festa del mare. Alla presenza del sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, della presidente dell’Autorità Portuale Mar Tirreno Centrale Andrea Annunziata, e dell’onorevole Piero De Luca, il direttore artistico del Premio Charlot, Claudio Tortora, ha illustrato il cartellone degli appuntamenti. Si comincia il 10 luglio al Teatro delle Arti dove saranno proiettati fino al 15 luglio, alle ore 21, tre film di Pier Paolo Pasolini. Si proseguirà poi il 16 luglio all’Arena del Mare e al Teatro Delle Arti, dal 19 al 21 luglio spazio ai workshop “Percezioni Comiche” a cura di Alessio Taglienti.

Articolo precedenteFondazione Alario per Elea Velia e Lettera I presentano la scuola d’impresa e impresa culturale
Articolo successivoPontecagnano, cresce la “Città Pubblica”. Centrodestra in affanno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui