Rubata la targa in memoria di Lidia Menapace, Baldi: “Episodio gravissimo da condannare”

0
71

L’Anpi provinciale di Salerno condanna fermamente quanto accaduto a Cava de’ Tirreni dove ignoti hanno rubato la targa in ricordo della Partigiana Lidia Menapace, apposta il 25 aprile 2021, in concomitanza con la piantumazione di un acero nell’ambito del progetto “Il Giardino della Resistenza”. «Quanto accaduto a Cava de’ Tirreni è un fatto estremamente grave da condannare, come associazione e come cittadini. Non possiamo permettere di mortificare così la memoria della partigiana Menapace», ha dichiarato il presidente del comitato provinciale Anpi Salerno, Ubaldo Baldi. «Ci aspettiamo ferma condanna da parte delle istituzioni affinché si possa risalire all’autore dell’ignobile gesto – ha aggiunto il presidente Baldi – E che possa trattarsi solo di un volgare atto vandalico, in alcun modo collegato ai nuovi assetti politici nazionali ma ciò non toglie la gravità dell’accaduto. Lidia Menapace merita di essere degnamente ricordata e il nostro appello e speranza è che la targa possa presto tornare al suo posto».

Articolo precedenteM5S, Cammarano: “No alla chiusura dei punti nascita di Sapri e Vallo della Lucania”
Articolo successivoAnziana uccisa a Capaccio, la mamma del fidanzato della ragazza: non è una violenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui