Salerno, maxi sequestro della guardia di finanza e misure cautelari per l’imprenditore Galderisi

0
759

La Guardia di Finanza di Salerno, su ordine della Procura della Repubblica, ha eseguito un ordinanza cautelare emessa dal Gip, nei confronti di Francesco Capri, 44enne già noto alle forze dell’ordine per esser stato condannato per associazione mafiosa, estorsione e rapina, e Generoso Galderisi, 56enne imprenditore nel settore edile. I due sono indagati per il reato di trasferimento fraudolento di valori. In particolare, sono stati disposti gli arresti domiciliari a carico di Caprie l’interdizione per 12 mesi dall’esercizio di attività imprenditoriale e di ricoprire uffici direttivi delle persone giuridiche e di impresa nei confronti di Galderisi. Contestualmente, si è proceduto alla notifica dell’avviso di conclusione delle indagini preliminari nei confronti di ulteriori cinque persone fisiche indagate per il reato di riciclaggio, in quanto avrebbero messo a disposizione di del Capri in cambio di utilità, carte di credito e prepagate loro intestate. Le indagini condotte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Salerno, attraverso minuziosi accertamenti bancari e contabili, hanno consentito, in prima battuta, di rilevare passaggi di somme di denaro e altre utilità, corrisposte, apparentemente in assenza di motivate giustificazioni, dalle società dell’imprenditore edile a beneficio del Capri. I successivi approfondimenti investigativi hanno permesso di ipotizzare tali flussi finanziari quale corrispettivo riconosciuto a Capri, a fronte della sua qualità di “socio occulto” nelle attività imprenditoriali condotte da Galderisi. Secondo la prospettazione accusatoria, allo stato delle investigazioni condivisa dal gip, la mancata formalizzazione dell’effettivo ruolo ricoperto da Capri nella compagine societaria è stata avallata dall’imprenditore, al fine di eludere le disposizioni in materia di prevenzione patrimoniale e di agevolare la commissione dei delitti di riciclaggio e di reimpiego. Le continue dazioni di denaro sarebbero state poi in parte giustificate attraverso l’assunzione soltanto formale, di Capri quale dipendente dell’imprenditore, avvenuta in un periodo immediatamente successivo al termine del regime di sorveglianza speciale a cui il primo era stato sottoposto. Tra le utilità che si suppone siano state riconosciute sarebbero ricompresi tre mini-appartamenti, del valore complessivo di circa 700mila euro, facenti parte di un complesso immobiliare sito in una zona di pregio di Salerno, nonché la cifra di 108.000 euro versata su carte intestate a soggetti terzi. Il sequestro preventivo finalizzato alla confisca riguarda tre mini-appartamenti, somme di denaro per un importo complessivo superiore ai 200.000 euro e l’intero capitale sociale della PFP GALDERISI GROUP s.r.l.

Articolo precedenteSalerno, i Negramaro super-ospiti del Capodanno
Articolo successivoEcomafie, Iannone (FdI): altro triste primato della Campania, De Luca un fallimento dopo l’altro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui