San Severino, Romano: “Abbandono e decadenza del sistema sanitario della nostra città”

0
326

“La condizione di abbandono e di decadenza del sistema sanitario della nostra città si aggrava inesorabilmente. Le responsabilità dell’amministrazione comunale sono ingiustificabili”. Lo afferma Giovanni Romano, coordinatore del Movimento Civico Sanseverinese che spiega nel dettaglio: “Per l’avvio della campagna vaccinale abbiamo assistito, nelle scorse settimane, ad un patetico balletto di protagonismi da parte di amministratori incapaci che hanno aggravato, con colpevoli ritardi, la già difficile situazione di emergenza sanitaria. Ci sono volute due settimane e infinite polemiche per individuare il centro vaccinale mentre altri Comuni limitrofi avevano rapidamente già iniziato a vaccinare le persone anziane e fragili. Come da copione, abbiamo letto trionfali comunicati stampa di auto elogio di amministratori impegnatissimi nella già iniziata campagna elettorale in vista delle elezioni del prossimo anno. E adesso scopriamo che alla nostra Città gli organi sanitari hanno destinato appena 60 vaccini al giorno per una popolazione di circa 23.000 abitanti. È il segno evidente della assoluta inconsistenza di una Amministrazione Comunale incapace di far valere le sacrosante ragioni di una Comunità un tempo rispettata e considerata. È una ulteriore conferma della decadenza di quello che, fino a cinque anni fa, era il Centro Pilota della Valle dell’Irno”. “In questi anni – prosegue Romano – il nostro Ospedale di Curteri è stato letteralmente smembrato con il trasferimento di interi reparto verso altre strutture dell’Azienda Ospedaliera Universitaria. Addirittura, nonostante Mercato San Severino abbia l’ospedale, la sede di Città della Medicina è stata assegnata a Baronissi!. E nessuno degli “obbedienti” amministratori della nostra Città ha fiatato per contestare gli ordini del “padrone” regionale. Il nostro ospedale è stato condannato, per precise scelte politiche regionali e comunali, ad una marginalità che porterà inesorabilmente alla sua cancellazione nonostante la professionalità e i sacrifici del personale medico. La nostra Città merita di ritornare ad essere quella che è stata prima della “svendita” a cui è stata sottoposta negli ultimi anni. Nell’immediato chiediamo, per i nostri cittadini, il potenziamento del programma di vaccinazioni, il miglioramento dell’assistenza alle persone fragili, la riqualificazione dei servizi della medicina distrettuale, il rilancio del nostro Ospedale”.

Articolo precedenteSalerno, in aula il 14 aprile: stop alla tassa di soggiorno. L’Abbac: “Non basta”
Articolo successivoAli: «Una ‘Città Nuova’ quale ‘bene comune’ di un insieme di vite organizzate nel rispetto di tutte le vite»

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui