Terna, il candidato sindaco Mirra: l’amministrazione battipagliese coinvolga i cittadini

0
184

di Marcello D’Ambrosio

Terna ha fornito le risposta ai quesiti posti dalle associazioni Civica Mente e Le Marianne, relativi alla realizzazione dell’elettrodotto “Tyrrhenian Link”.
Nelle risposte, vengono fornite le motivazioni tecniche che hanno portato alla scelta del territorio di Eboli e Battipaglia quale punto di realizzazione della stazione di conversione da corrente alternata a continua e come punto di approdo del cavo sottomarino che raggiungerà la Sicilia. “La partecipazione dell’Ente Comunale nella valutazione del progetto definitivo dell’elettrodotto è fondamentale. In particolare, dovrà essere valutato con attenzione l’impatto del punto di approdo, che attualmente è previsto in corrispondenza della foce del fiume Tusciano.” – dichiara l’ingegnere Maurizio Mirra, candidato sindaco per Civica Mente e Rete Civica – “Inoltre, sarà sempre il nostro Comune che dovrà partecipare alla condivisione ed alla formalizzazione delle convenzioni che consentiranno la pianificazione delle specifiche misure compensative a favore dei territori interessati dagli interventi. L’auspicio è che il nostro Ente, che è stato assente e non ha favorito in nessun modo la condivisione e la partecipazione della cittadinanza, cambi registro. Bisogna che la cittadinanza, il consiglio comunale e gli organismi di partecipazione vengano informati ed interpellati in questa importante fase. Il rischio è quello di subire passivamente questa opera ciclopica senza che vi sia alcun vantaggio per il territorio”. “Bisogna seguire gli esempi virtuosi di altri comuni, come Suvereto e Salivoli in Toscana” – conclude il tecnico Rosario La Cerra – “Queste città, in una situazione del tutto analoga a quella di Eboli e Battipaglia, hanno concordato con Terna interventi di valorizzazione paesaggistica e di attuazione di opere a servizio della collettività, come piste ciclabili, realizzazione di percorsi naturalistici e di aree verdi. È doveroso precisare che Terna non ha alcun obbligo di legge al riguardo, sicuramente c’è una prassi e non un vicolo. Queste opere dovranno essere frutto di una trattativa tra l’amministrazione comunale e Terna”.

Articolo precedenteAl Museo FRaC la rassegna “LUOGHI DEL PAESAGGIO”
Articolo successivoDeposito incontrollato di rifiuti: la Guardia Costiera sequestra un’area di oltre 10mila mq

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui