Vassallo: “I sudditi del Monarca intimoriscono e pilotano gli elettori. Il mio appello ai giovani: nessuna paura”

0
53

“Il 25 settembre 2022 sarà una data spartiacque, un momento fondamentale in cui si potrà decidere il futuro della nostra terra, per una crescita civile reale, fuori da logiche particolaristiche in cui la cosa pubblica viene utilizzata come bene personale. Queste elezioni sono importantissime per il nostro Paese, proteggiamo i nostri diritti e guardiamo al futuro. Purtroppo constatiamo come i cittadini si sentano sotto pressione, non liberi di votare o di mostrarsi negli incontri pubblici, che a volte disertano per imposizioni provenienti dall’alto. Esiste una vecchia e ormai anacronistica classe politica che ancora crede di poter manipolare le scelte della comunità e indirizzare il voto. Questo vecchio sistema di potere, però, si sta sgretolando. I cittadini sono stanchi di essere sviliti da un sistema che non premia il merito, che tarpa le ali, i sogni, le aspirazioni, solo per poter perseverare logiche feudale, ormai corrose. Salerno, il Cilento e il Vallo di Diano si stanno risvegliando, stanno rialzando la testa. E a tutti questi cittadini che io mi rivolgo: abbiate il coraggio di tirare fuori le vostre idee. Nessuna paura, nessuna costrizione. Tornare ad essere uomini liberi”: è la denuncia di Dario Vassallo, candidato alla Camera dei Deputati con il M5S nel collegio Eboli-Cilento.

“Il nostro compito, o meglio la nostra sfida, sarà quella di creare una rete con tutte le donne e gli uomini a sud di Salerno, che da decenni lottano da uomini liberi, contro amministratori locali asserviti alle logiche di quel sistema di potere ormai diffusi che paralizza la Campania e il Cilento e che noi vogliamo abbattere”, prosegue Vassallo. “I nostri dialoghi proseguono senza sosta. In questa campagna elettorale stiamo aggregando giovani, uomini, donne, associazioni, intere comunità. Dopo decine di incontri e centinaia di nuove persone che si sono avvicinate ad un mondo per loro ancora sconosciuto, percepiamo un calore incredibile: gente che si rivede e si proietta nei principi di legalità, contro ogni forma di corruzione del M5S”.

E aggiunge Dario Vassallo: “Dopo aver lottato contro il potere dei sudditi del Monarca, arrivato quasi al termine di questa campagna elettorale, è tempo di un’analisi concreta che nasce dalla sperimentazione empirica della realtà: sono sicuro che tutto questo impegno servirà a renderci più liberi. Ci sarà ancora da lottare, comunque vada, perché i nostri avversari non sono solo la corruzione e il clientelismo, ma una cultura spesso retrograda e miope. Il nostro Sud, però, sta riemergendo. È come una forza latente, magmatica, che spinge al rinnovamento. Nuove energie stanno emergendo e nuove spinte sociali. Lo sentiamo, lo percepiamo ogni giorno nei nostri incontri. C’è voglia di riappropriarsi della propria dignità e del proprio futuro, contro interessi affaristici e personalistici. Tutte quelle forze soffocate per decenni, in un regime pseudo feudale, oggi sono promotrici di una nuova rinascita culturale. A testa alta, senza paura. Chiedo alla magistratura di attenzionare nelle ultime ore questa campagna elettorale e tutte le questioni che attengono alla libera espressione del voto”. – conclude Vassallo -.

Articolo precedentePiero De Luca (Pd): “Aiuti a famiglie e imprese contro il carovita la nostra priorità”
Articolo successivoNappi (Lega): “Subito nuovo piano casa e rigenerazione territori”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui