CAROLINE PAGANI in MOBBING DICK III edizione del Cilento Festival – Pollica

0
650

Caroline Pagani (sorella dell’indimenticato cantautore Herbert), è autrice, regista, costumista e attrice di Mobbing Dick un one-woman show che racconta la storia di una surreale e terribile audizione teatrale.
Mobbing Dick è spettacolo brillante, ironico, graffiante, uno spaccato, fra dramma, comico e tragicomico, reale e surreale-, sulla condizione delle artiste donne nel mondo dello show business.
Tra serio e faceto, comicità esilarante e surreale, una riflessione su Eros, Teatro e potere, ai tempi di Shakespeare, così come nella nostra contemporaneità.
Un teatro, un’attrice, un regista. Un’attrice sbarcata a un’audizione con un baule pieno di personaggi shakespeariani, si imbatte in un Maestro ben diverso da come se lo immaginava.
Un regista pochissimo interessato alle sue qualità artistiche e le cui derive filosofiche ritornano eternamente “all’origine della vita”.
I due si fraintendono e i loro malintesi generano un succedersi di momenti dalla comicità esilarante e surreale, che ripropongono, in forma rapsodica, le mille facce di una realtà non certo ignota ma, ancora oggi, spesso garbatamente taciuta e rimossa. Exit l’erotismo dei versi, l’orgasmo tramite l’estetica, i vari modi di dire il desiderio in scena.
Alla cornice drammaturgica dell’audizione – riflessione tragicomica sul mondo delle audizioni e dello star system – si sovrappone un viaggio nell’Eros attraverso alcuni personaggi femminili delle opere di William
Shakespeare: Isabella di Misura per Misura, Titania del Sogno di una notte di mezza estate, Giulietta, Cleopatra e l’eroina di Lucrezia Violata.
Donne folli per le loro passioni. Donne regine. Un girotondo femminile e fantastico, una galleria di personaggi, caratteri e passioni di sconcertante attualità. Donne, così come l’attrice, accomunate da un destino scritto dalle loro passioni, dal loro rapporto con il demone di Eros.
Nelle tristi vessazioni di un’attrice, animula alla mercé del sistema, si perpetuano e riflettono anche quelle storicamente subite dalle donne. Una riflessione sul desiderio, sull’eros, e sul fare teatro.
Perché tante donne shakespeariane sono così sciagurate? Che cosa accomuna il loro destino a quello di una fra le tante attrici che affronta, piena di speranze e illusioni, un’audizione alla ricerca di un Maestro e di un ruolo?
Per sfuggire alle richieste del sedicente regista, l’attrice individua quale unica via d’uscita un full immersion nel suo mondo, quello del teatro e dell’attorialità allo stato puro, una personale ricetta per esorcizzare la dinamica del volere e del potere a tutti i costi.
Ai
Ai versiversi didi ShakespeareShakespeare èè affidatoaffidato l’ultimol’ultimo ee insostituibileinsostituibile poterepotere salvifico:salvifico: alal didi làlà delladella scenascena ee deglidegli orpelliorpelli deldel teatro,teatro, lala parolaparola.. EE lala suasua eco.eco.
Spettacolo vincitore del Premio dell’Unione Femminile Nazionale Italiana (2009), Premio La corte della Formica miglior attrice, premio del pubblico (2010), Napoli. Premio Teatri Riflessi (2022), miglior spettacolo e Premio Ginestre (202)2, Premio Fersen alla Regia (2023).
INFO:
Mobbing Dick
Di e con Caroline Pagani
27 ottobre 2023 – ore 19
Teatro Sala Keys
via Caracciolo, 134 – Pollica
Ufficio stampa
Andrea Cavazzini
Giornalista e Ufficio Stampa Cell: 329.41.31.346

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here