MODA. Estate 2018, è “stripes mania”

0
77

L’estate sta finendo ed un altro anno se ne va. Metà agosto e sulle spiagge, sui lidi, nei locali della movida estiva ne abbiamo viste davvero di tutti i colori se si parla di moda ed ultimi trend. Se tra i colori più in voga sono state scelte le tonalità pastello, per le fantasie sono ritornate le righe, o meglio conosciute come “stripes mania”. Oramai alla tipica affermazione “le righe fanno ingrassare” non ci crede nessuno, più che altro si deve urlare: “Le righe sono alla moda”. Tra i social network, le passerelle e in giro per le strade più in d’Italia, fashion bloggers ed esperti del settore moda, maschile e femminile, hanno mostrato come le righe siano state il trend più amato e “abbigliato” di questa estate 2018 e come può essere semplice abbinarlo a tutto.

Tornano e diventano la fantasia prediletta: sui pantaloni, sulle gonne a ruota e persino sui plateau delle scarpe. Allungano e giocano con le forme del corpo, e anche se a prima vista possono comunicare geometria e precisione, sono spiritose, colorate e regalano un tocco classy e very chic. Difficile a credersi, il primo “stilista” promotore delle righe fu Napoleone Bonaparte. L’imperatore, infatti, scelse di far indossare ai navigatori francesi una camicia bianca con ventuno fasce blu, una per ciascuna vittoria da lui riportata. Trasformate in tendenza da Coco Chanel, le righe attraversano nei secoli le passerelle del successo fino ad arrivare ad oggi come uno dei protagonisti dei trend 2018.

Dalle tradizionali bianche e blu alla marinara, passando per quelle coloratissime, arrivando poi a scegliere le bianche che si alternano alle tonalità pastello o per chi vuole giocare ancor più, optare per le rainbow stripes. Sinonimo di eleganza e vivacità, verticali e diagonali, camicia e gonna per la donna, pantaloni capri e t-shirt per l’uomo, stanno conquistando davvero tutti. Se ancora non lo avete fatto, è il momento di “mettere in riga” l’armadio e vestire la “stripes mania”. Al contrario di quanto cantava Mina, la zebra può mettere da parte i pois – molto in voga negli anni passati – vantandosi finalmente delle proprie righe.

a cura di Clemente Donadio

Articolo precedenteARTE. “Capitombolando”, fantasia a Buccino
Articolo successivoDa Salerno all’Europa, le sfide 2019 delle campionesse della Jomi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui