MODA. Ferragnez wedding, l’evento più atteso dai social

0
180

Ormai è come essere entrati in famiglia. Milioni e milioni di igers seguono appassionatamente la storia “Ferragnez”.

Per chi non conoscesse il termine, è l’hashtag più utilizzato per racchiudere al meglio l’amore di due idoli: l’influncer Chiara Ferragni e il rapper Fedez.

Se fino a qualche mese fa, l’evento wedding più atteso era quello del principino Harry con Meghan, ad oggi il mondo è fremente per assistere alle instagram stories del Royal Wedding Italiano – l’unione più social di tutto i tempi è stata definita proprio così.

Chiara Ferragni, classe ’87, atterra sul web nel 2009 con il blog The Blonde Salad e da quella prima pubblicazione non si è più fermata, accumulando giorno dopo giorno milioni di followers che amano i suoi outfit e i tanti cambi look, partendo dai capelli spulciando poi le tendenze delle quali è la promotrice.

A distanza di pochissimi giorni dal grande evento mediatico, come al solito, il futuro marito viene messo da parte per puntare tutti i riflettori sulla donna dagli occhi blu notte e dalla chioma bionda.

Come sarà l’abito da sposa di Chiara? In questo caso, se si vuole essere scaramantici, i followers non possono vedere l’abito bianco prima delle nozze e devono attendere il primo settembre.

La domanda è lecita e la risposta non è per nulla scontata. Chiara Ferragni è stata ambassador della maison di abiti da sposa Pronovias, quindi in molti definiscono tale designer il numero uno della lista. Non è detto, però, che non ci possa essere un vero e proprio colpo di scena. In effetti, con le sorprese, i piccioncini social sono davvero bravi. Un esempio è la partecipazione pop-up in stampo Hollywoodiano: un invito tridimensionale coloratissimo svelato il mese scorso.

Il matrimonio verrà celebrato a Noto, in Sicilia. Precisamente, la cerimonia civile sarà officiata al Palazzo Ducezio e i festeggiamenti, che dureranno tre giorni, si terranno alla Dimora delle Balze. Non resta che attendere ancora qualche giorno per scoprire tutte le tendenze che la famiglia social – compreso il piccolo Leo – introdurrà. In questi casi si può esordire in un solo modo: finché social non li separi.

a cura di Clemente Donadio

Articolo precedenteIL SALOTTO GASTRONOMICO. La pasta alla Nerano
Articolo successivoA Capitignano resiste la storica biblioteca

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui