Scauratielli

0
67

di Roberta Memoli

Da Nord a Sud, da Torino a Palermo, dagli Appennini alle Ande un grido si espande: a Natale se magna alla grande!!! A tutte le latitudini, indipendentemente da dove ci si trovi, in ogni regione, città e paese non si conclude il pranzo di Natale senza qualcosa di dolce. E fortunatamente la tradizione culinaria delle feste è vastissima. Da oggi e nelle settimane che verranno prepareremo insieme i dolci delle feste.

Cominciamo da queste zeppoline che un tempo venivano preparate la sera della vigilia, nell’attesa della nascita di Gesù Bambino. Gli scauratielli ricetta perfetta, per questo ringrazio la mia zietta!

Ingredienti.

  • 550 ml di acqua
  • 300 gr di farina
  • 80 gr di zucchero
  • bucce di arancia e limone
  • olio per friggere qb
  • miele qb
  • confettini per decorare

Preparazione. Iniziamo versando l’acqua in un pentolino e aggiungiamo la scorza di un’arancia e un limone non trattati. Mettiamo sul fuoco e versiamo lo zucchero mescolando con un cucchiaio di legno. Quando il composto è arrivato a bollore togliamo le bucce degli agrumi e fuori dal fuoco uniamo la farina tutta in una volta. Mescoliamo energicamente per amalgamare il tutto e poi, con il pentolino sul fuoco, continuiamo a mescolare finchè il composto sarà pronto cioè quando si staccherà dalle pareti. Ungiamo il piano di lavoro con pochissimo olio di semi, quindi rovesciamoci su il composto e lavoriamolo con le mani unte d’olio. Con un tarocco, ricaviamo delle fette e da queste ricaviamo delle strisce che chiuderemo congiungendo le due estremità e premendo nel punto in cui si sovrappongono. In una larga padella friggiamole in abbondante olio di arachidi poche alla volta per non far abbassare troppo la temperatura dell’olio. Scoliamole con una schiumarola e mettiamole su carta assorbente. In un pentolino facciamo sciogliere il miele e appena tiepido ci tuffiamo le zeppole scolandole con una forchetta. Decoriamo con i classici diavulilli.

Articolo precedenteLa Divina di nuovo spaccata in due L’ennesima frana mette ko la costa
Articolo successivoUn libro è per sempre

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui