Tosse e paura: Il decotto della nonna

0
107

di Daniela Pastore

Un colpo di tosse e arriva la paura. Oggi, in piena ansia da pandemia, avere un semplice raffreddore, starnutire o tossire genera preoccupazione ai limiti dell’ipocondria. Stiamo somatizzando la paura e il panico al punto da sperimentare molti dei sintomi associati al Coronavirus.

La tosse, quando è leggera, può essere considerata assolutamente transitoria. Un malanno di stagione, molto diffuso, per il quale non è necessario avventurarsi subito nel dedalo delle proposte di farmaci. E invece è possibile curare i classici malanni di stagione con rimedi assolutamente naturali, da realizzare in casa, con pochi e semplici ingredienti.

In modo particolare, la tosse, sia grassa che secca, la si può contrastare efficacemente con le tisane (quando non siano presenti patologie specifiche), evitando dal primo momento l’uso di medicinali o corse dal medico. Mia nonna di questi periodi aveva sempre la pentola sul fuoco con il decotto pronto. “Il freddo, l’influenza, la tosse e il mal di gola si combattono con questa medicina!” diceva lei. Sembra ieri. Eppure ne sono passati di anni e la formula è sempre valida. Il decotto di mele è un toccasana per la nostra salute e per i malanni di stagione come influenze e raffreddori ed è una vera e propria marcia in più. Che di questi tempi non guasta, magari ci aiuta ad evitare un bello spavento. Il decotto è una delle preparazioni più antiche della cucina naturale e il suo punto di forza è quello che, grazie al metodo di cottura diretto del frutto, permette ai principi attivi di sciogliersi nell’acqua di cottura e di agire in modo più efficace.

Ecco la ricetta:

Il Decotto della nonna

Ingredienti:

  • 3 fichi secchi
  • buccia di 1 arancia non trattata
  • 2 foglie di alloro,
  • 3-4 chiodi di garofano,
  • cannella (a piacere)
  • 1 pezzetto di mela
  • ½ litro di acqua
  1. Lavare tutti gli ingredienti per bene.
  2. Mettere tutto in una pentola, nell’acqua e far bollire per circa 1 ora, con coperchio.
  3. Una volta cotto, filtrare il liquido con un colino e versare nella tazza.
  4. Bere caldo o tiepido più volte al giorno.

Una piacevole bevanda calda che sa di antico e che vale più di una medicina. Se poi prepararla è una nonna, risulta ancora più gustosa

Articolo precedenteAl Museo Frac la mostra di Luigi Caravano “IL SEGNO, IL DISEGNO, IL RACCONTO”
Articolo successivoBogdan tiene “testa”: la Salernitana vince contro il Cittadella e mantiene il primato in classifica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui