Vaccino, Papa Francesco: “Prima ai deboli”. L’ironia di Grillo

0
321

È arrivato poco fa alla frontiera del Brennero, proveniente dal Belgio, il furgone con le prime 9.750 dosi del vaccino anti-Covid di Pfizer-Biontech destinate all’Italia. Scortato dai carabinieri, il mezzo si dirigerà ora all’ospedale Spallanzani di Roma. “Il vaccino anticovid sia dato a tutti, al primo posto i deboli e i bisognosi”. Lo ha chiesto Papa Francesco, rivolgendosi ai governanti, nel messaggio di Natale. “Non possiamo lasciare che ci chiudiamo nei nazionalismi, nell’individualismo”, ha spiegato, che rischia di “renderci indifferenti” sulla base delle “leggi del mercato e dei brevetti che sono poste al di sopra delle leggi dell’amore”. Sul vaccino arriva l’ironia di Beppe Grillo: “Eh i vaccini… io li sto aspettando, li sto aspettando tutti, li vorrò fare tutti insieme in un’unica siringata” scrive il fondatore del Movimento 5 Stelle sul suo blog sul tema dei vaccini in un post. “Comincero’ con lo Sputnik 5 russo che da’ questa leggera controindicazione di una leggera fosforescenza ai polpastrelli che verra’ eliminata dal vaccino cinese che, in controtendenza, darà luccichio giallognolo al palmo della mano; poi verranno coperti dai vaccini americani e inglesi. In ultimo quello italiano che amalgamerà tutto l’insieme, quindi – scrive Grillo – io sarò immune e vi consiglio di fare altrettanto fino al Covid 2045”, conclude.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here