Valentina Mustaro, «Vi presento la “mia” Ribalta»

0
152

Nel nostro viaggio alla scoperta delle realtà teatrali campane, oggi ospitiamo un’attrice, regista e formatrice salernitana, Valentina Mustaro, direttrice artistica del teatro La Ribalta.

Il teatro la Ribalta nasce a settembre 2012 sulle ceneri di una precedente realtà teatrale. Non poche sono state le difficoltà per la compagnia omonima che nasce, invece, nel 2003 e lavora arrangiandosi per i primi anni in posti di fortuna, condividendo gli spazi anche con altre associazioni salernitane.

Valentina, come nasce la tua passione per il teatro e come si tramuta in professione?

«La mia passione nasce fin da bambina, ero innamorata del teatro e ho maturato questo amore crescendo. Determinanti sono stati i miei genitori, che mi hanno spinta a coltivare questa passione e a 13 anni mi hanno accompagnata al Teatro San Genesio di Salerno diretto da Sandro Nisivoccia e Regina Senatore, mostri sacri del teatro. Sono stata provinata un po’ per gioco ma quel provino ha cambiato la mia vita perché ho cominciato una dura gavetta. A 18 anni sono andata a Roma per studiare regia teatrale, mantenendomi lavorando, e contemporaneamente avevo una mia compagnia a Salerno che incontravo periodicamente per lavorare a spettacoli teatrali da rappresentare durante l’anno. Poi, ho scelto di lasciare Roma per dedicarmi alla mia città e creare una nuovo realtà teatrale a Salerno».

Dirigi ora il teatro La Ribalta e sei regista e attrice dell’omonima compagnia. Parlaci di questa realtà…

«Lavorare a questa realtà mi ha sempre entusiasmato ma non è stato facile avvicinare il pubblico al teatro. Ci occupiamo di formazione per bambini, ragazzi e adulti e diversi sono i corsi di formazione attivi oltre a quelli teatrali come canto, ballo e ci sono inoltre corsi più particolari come l’arteterapia che partirà a breve. Obiettivo del teatro è stato avvicinare soprattutto i giovani a questa realtà e fornire al pubblico una varietà di generi teatrali: la stessa compagnia propone, accanto al teatro classico, spettacoli di commedia dell’arte, di teatro sperimentale e tanti altri generi anche meno conosciuti. Importante per noi è poi lasciare un messaggio al nostro pubblico: non vogliamo che il pubblico provi solo emozioni ma che porti a casa qualcosa, che si ricordi di noi e del tempo speso presso la nostra struttura».

Quali sono le rassegne che proponete quest’anno?

«Abbiamo il nostro cartellone intitolato “I diversi volti del teatro” con spettacoli di vario genere e due rassegne, una di teatro sociale intitolata “Un certo sguardo” e una dedicata ai bambini intitolata “Piccole emozioni”».

In bocca al lupo dunque Valentina per questo nuovo anno teatrale: La Ribalta di Salerno ci aspetta!

Luana Izzo – Officina teatrale Primomito

Articolo precedente«Emozione nel ‘94 ma nel ‘98 abbiamo fatto la storia»
Articolo successivoL’amore al tempo dei social

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui