CGIA Mestre: nel 2020 fatturato pmi -13,5% e +17,5% per giganti del web

0
221

di Marcello D’Ambrosio

La cifra e’ di quelle da far tremare i polsi: 420 miliardi di euro“. A tanto ammonta la perdita di fatturato registrata quest’anno dalle imprese italiane a causa del Covid. La stima e’ stata elaborata dall’ufficio studi della CGIA. “Al netto delle misure a sostegno della liquidita’ e agli effetti dello slittamento delle scadenze fiscali – denuncia il coordinatore dell’ufficio studi Paolo Zabeoil governo quest’anno ha stanziato 29 miliardi di euro di aiuti diretti alle imprese colpite dalla pandemia. Cio’ vuol dire che a fronte di un crollo del fatturato dell’intero sistema economico del nostro paese di circa 420 miliardi di euro, il tasso di copertura ha sfiorato il 7 per cento. Un impatto insignificante, sebbene in termini assoluti l’importo complessivo delle misure messe in campo a sostegno delle attivita’ economiche abbia la dimensione di una finanziaria“. L’ufficio studi della CGIA tiene a precisare che “il fatturato totale delle imprese in Italia e’ pari a poco piu’ di 3.100 miliardi di euro“. Con una perdita dei ricavi relativa al 2020 che “dovrebbe aggirarsi attorno ai 420 miliardi, la contrazione rispetto al 2019 sarebbe del 13,5%“. Di tutt’altro segno, invece, i risultati ottenuti dalle multinazionali del web presenti nel nostro paese. “In attesa del dato annuale, secondo l’area studi di Mediobanca, nel primo semestre del 2020 il fatturato dei big digitaliè aumentato del 17 per cento: un vero e proprio boom“, segnala la CGIA “E’ comunque necessario precisare– dichiara il segretario della CGIA Renato Mason- che alle pmi che hanno subito i contraccolpi piu’ negativi della crisi, ovvero quelle che hanno dovuto chiudere per decreto, i ristori erogati dall’Esecutivo hanno coperto mediamente il 25 per cento circa del calo del fatturato. Le misure di sostegno al reddito approvate da Governo Conte, infatti, sono andate in larghissima parte alle attivita’ che hanno registrato un crollo del giro di affari di almeno il 33 per cento rispetto al 2019. Resta il fatto che anche per queste realta’ gli aiuti economici sono stati insufficienti

Articolo precedenteBaronissi, Osteria Re Baccalà e ContrariaMente: per anziani e positivi pranzo solidale di Natale
Articolo successivoOnline presentazione dell’opera letteraria su tela di Sara Carbone “Paesaggi di parole: l’Inferno di Dante”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui