Giffoni Valle Piana, Gubitosi a Tim: restituisca al comune lo storico cinema Moderno

0
125

Restituire lo storico Cinema Moderno, attualmente di proprietà della Tim, al comune di Giffoni Valle Piana (Salerno). “Ridare la dovuta dignità ad un luogo che si trova nel salotto di una città conosciuta in tutto il mondo, frequentato da centinaia di migliaia di persone durante tutto l’anno, proprio in quella piazza Umberto I da dove tutto è partito, ormai 53 anni fa, a pochi metri da dove nacque l’idea, l’intuizione di Giffoni Film Festival, la scintilla che ha saputo conquistare intere generazioni, milioni di giovani di tutte le latitudini, di tutte le lingue e di ogni cultura grazie al linguaggio universale del cinema. La magia, infatti, è partita da lì ed è cresciuta anche grazie alle emozioni che il Cinema Moderno sapeva dare e restituire. Un vulnus – averlo sottratto alla fruizione collettiva per farne un deposito di apparecchiature e generatori – che va assolutamente sanato. Il Moderno, infatti, è stato il primo cinema di Giffoni Valle Piana, costruito negli anni ’30 del secolo scorso dalla famiglia Andria. Dal 1984 l’immobile è stato utilizzato per contenere tutti i generatori e le apparecchiature necessarie ai collegamenti telefonici del territorio”. È questo lo spirito e il senso della richiesta del fondatore di Giffoni, Claudio Gubitosi, che ha già inviato una lettera al presidente della Tim, Salvatore Rossi e all’amministratore delegato Pietro Labriola, con l’obiettivo di individuare un percorso comune che consenta di restituire la struttura a Giffoni per immaginarne una nuova vita, per farne un centro, una vera e propria casa di promozione culturale, ma anche una vetrina di saperi, conoscenze e sapori, un presidio che promuova le eccellenze culturali e territoriali e che sia nuovamente vivo.
“Chiedo – spiega Claudio Gubitosi – che il Cinema Moderno possa essere donato, nella forma che la Tim riterrà più opportuna, al Comune di Giffoni Valle Piana con l’obiettivo di definire un piano di rilancio per l’immobile che potrebbe finalmente avere nuove modalità di fruizione e di utilizzo”.
L’iniziativa sarà annunciata domenica in occasione del Giffoni Day. Al riguardo è attiva anche una petizione on line su change.org a cui chiunque può aderire.

Articolo precedenteMorta nonna Rosetta di Casa Surace
Articolo successivoAutonomia, De Luca: unità nazionale bene sacro e inviolabile

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui