IL SALOTTO GASTRONOMICO. “O’ Scarpariello”

0
177

O’ scarpariello è il piatto dei quartieri spagnoli. Si dice che questa ricetta fu inventata dalle mogli degli “scarpari” e preparata con i prodotti regalati dai clienti (quasi sempre formaggi) dei calzolai che non avevano i soldi per pagare. La giornata dello “Scarpariello” era il lunedì, il giorno di riposo degli “scarpari”.

Un’altra versione invece lo indica come piatto veloce, preparato addirittura nel retro-bottega delle numerose aziende che producevano scarpe a Napoli, per sfamare appunto gli “scarpari”.

Oggi invece la pasta allo scarpariello è entrata a pieno titolo nei ricettari di cucina non solo campani ma per me rimane la soluzione “sciuè sciuè” migliore che c’è.

Bucatini allo Scarpariello (per 4 persone)
• 320 gr di bucatini
• 500 gr di pomodorini ciliegino freschi
• 1 spicchio d’aglio
• Olio evo qb (almeno 8/9 cucchiai)
• 70 gr di parmigiano grattugiato
• 30 gr di pecorino grattugiato
• Abbondante basilico fresco
• Sale e peperoncino qb

Preparazione. In una padella capiente versate l’olio e l’aglio. Appena l’aglio è imbiondito lo togliete ed aggiungete i pomodori, il basilico e un pizzico di peperoncino. Salate e fate cuocere per 15 minuti con il coperchio. Nel frattempo, mettete a bollire l’acqua e calate la pasta. La cottura dovrà essere aldente. Grattugiate il parmigiano e il pecorino in una ciotola. Trascorso il tempo necessario, scolate la pasta e versatela nella padella con il sugo di pomodorini. Spadellate e aggiungete i formaggi grattugiati in precedenza. Fate amalgamare gli ingredienti mescolando bene. Servite subito con qualche fogliolina di basilico fresco e se vi piace, io lo faccio, con la grattugia a fori larghi grattugiate ancora un po’ di pecorino o cacioricotta direttamente sulla pasta, nel piatto di ogni commensale. Voglio solo aggiungere che il sugo di pomodoro può essere preparato, oltre che con i pomodori freschi, anche con pomodori ciliegino in barattolo.

a cura di Roberta Memoli – Il Salotto gastronomico

Articolo precedenteSPAZIO TEATRO. Dietro le quinte
Articolo successivoArechi rugby, tra storia e innovazioni insieme ai Dragoni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui