AMMI – Donne per la Salute – sezione di Salerno organizza il convegno-dibattito ” Cibo Artificiale; opportunità o minaccia? L’Italia ed il suo patrimonio enogastronomico tra sostenibilità e tradizioni”

0
304

Si svolgerà lunedì 23 ottobre alle 16,30 presso la sezione provinciale dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Salerno in Via SS Martiri salernitani, 33 l’incontro- dibattito dal titolo “Cibo Artificiale; opportunità o minaccia? L’Italia ed il suo patrimonio enogastronomico tra sostenibilità e tradizioni”. L’evento è organizzato da AMMI Donne per la Salute – Sezione di Salerno con l’obiettivo di promuovere iniziative nel campo della Prevenzione e dell’Educazione Sanitaria e finanziare la ricerca in campo medico.
“Con questo incontro, a cui parteciperanno illustri esperti, si cerca di fare chiarezza su questo argomento così discusso, di fare il punto sulla ricerca e capire se il cibo prodotto in laboratorio possa costituire un’opportunità oppure un rischio per il futuro della cultura alimentare italiana” – afferma la Dr.ssa D’Acunto Savoia presidente dell’AMMI – sezione di Salerno che aprirà l’incontro.

Il cibo sintetico è sola una moda passeggera o è una possibile alternativa futura? Per tutelare la saluta di tutti è importante porre l’accento sulle produzioni del cibo tradizionale, legate alla e nostra cultura ed alle nostre origini, nel pieno rispetto dell’ambiente e del territorio. 

Sarano questi i quesiti e le tematiche trattate durante l’incontro che vedranno protagonisti il Dott. Luciano Pignataro giornalista professionista e docente al dipartimento di Agraria di Napoli con una relazione sulla tipicità come valore culturale e commerciale, il Dott. Roberto Defez membro dell’Accademia dell’Agricoltura e dei Georgofili con la relazione dal titolo “Carne, grilli e fake news”. A moderare l’incontro il professore Gaetano Guerra ordinario di Chimica industriale al dipartimento di Chimica e Biologia dell’Università degli studi di Salerno ed il Dott. Giovanni Dangelo presidente Ordine dei Medici di Salerno. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here