Bimba di Teggiano bloccata in Russia, Pellegrino scrive a Di Maio

0
127

Il consigliere regionale di “Italia Viva” Tommaso Pellegrino ha chiesto, in una lettera al ministro degli Esteri Luigi Di Maio, un intervento nella vicenda della piccola Sofia, di quattro anni, portata in Russia dalla madre, ex moglie di nazionalita’ russa, di un residente a Teggiano. “Sofia , cittadina italiana – afferma il consigliere regionale nella lettera – si trova dal settembre 2018 in Russia, dove una cittadina russa, l’ha portata e poi trattenuta senza il consenso del padre”. ” Nonostante le Autorita’ russe e la Suprema Corte Russa abbiano dato ragione al padre – scrive Pellegrino – riconoscendo il reato di sottrazione di minore a carico della ex moglie, e nonostante l’assistenza della Autorita’ italiane a Mosca, la polizia giudiziaria russa non è stata finora in grado di eseguire le disposizioni delle sentenze, e da ultimo tale esecuzione è stata resa ancora piu’ complicata dalla pandemia ” “In un anno e mezzo- aggiunge il consigliere regionale – l’interessamento delle Autorita’ consolari italiane è stato finora sostanzialmente inefficace”. Pellegrino chiede al ministro degli Esteri di intervenire sul Governo della Russia per ottenere che la sentenza venga eseguita. 

Articolo precedenteFonderie, il Tar: “Consegnare relazioni mancanti e studio Spes”
Articolo successivoVietri, cercatori di datteri danneggiano i Due Fratelli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui