Salvitelle, don Vincenzo Addesso organizza la processione vivente

0
319

Di Pompeo Perretta

Don Vincenzo Addesso parroco in Auletta e Salvitelle per le ricorrenze Pasquali ha messo in atto un articolato programma religioso coinvolgendo le due comunità del Tanagro. Significativa la processione del Venerdi’ Santo con abiti d’epoca risalenti alla Roma imperiale che ritraggono soldati e personaggi interpreti del momento storico della condanna e crocifissione di Gesu’.

La processione con la partecipazione del sindaco ed assessori, componenti delle associazioni e devoti della Parrocchia Santo Spirito è partita dalla Chiesa del SS Rosario situata nel centro storico del paese per proseguire lungo l’intero centro abitato per le vie tradizionalmente attraversato dalle processioni locali.

Dopo il rito tenutosi ad Auletta durante la settimana Santa, venerdi 29 il gruppo parrocchiale e sostenitori del programma Pasquale si sono ritrovati a Salvitelle per dar vita alla processione vivente del dramma storico – sacro di Cristo interpretando i momenti salienti delle XIV stazioni della via crucis puntualmente commentate dal sacerdote Addesso.

Ricordiamo che la Chiesa del Rosario dove sono custodite le statue di Gesu’ e della Madonna addolorata dal luogo che ha dato inizio la via crucis è il piu’ antico tempietto del paese completamente ricostruito riaperto al culto da Mons Guerino Grimaldi in seguito all’evento tellurico del 1980 grazie all’opera solerte di Don Mimi’ Di Stasio. Devoti a Maria Santissima i Salvitellesi dedicarono a Lei la Chiesa dell’antica dea con il nome di : “ Santa Maria Capua Vetere e, dopo la vittoria di Lepanto (1571) fu dato il nome del S S Rosario. Anche questa chiesetta ha rappresentato per intere generazioni luoghi di culto e punto di riferimento per i Salvitellesi che erano devotissimi alla Madonna e recitavano quotidianamente il Santo Rosario nelle loro case, rito,purtroppo, oggi cancellato nell’era della post modernità atteso che le generazioni legate a tale culto sono ormai estinte. Don Vincenzo Addesso è impegnato nel difficile lavoro di far rievocare antiche e significative tradizioni .

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here