Più Libri Più Liberi parte nel nome dei ragazzi

0
52

Grande affluenza già durante la prima giornata. Parola agli editori.

di Davide Bottiglieri

È partita l’edizione 2022 del Più Libri Più Liberi, una delle più importanti fiere del libro e dell’editoria italiana, nonché la più in vista della capitale, promossa e organizzata dall’Associazione Italiana Editori (AIE), nella sede del Roma Convention Center La Nuvola dell’Eur. Altissima l’affluenza, con il pubblico ad affollare le biglietterie sin dalle prime ore del mattino. Migliaia i ragazzi presenti provenienti dalle scuole di tutta Italia. 

Sono appunto i ragazzi i protagonisti di questo esordio, e non solo per gli stand presi d’assalto e che hanno fatto registrare vendite importanti agli editori che strizzano l’occhio a un target adolescenziale, ma anche per gli eventi in programma, studiati ad hoc per le scolaresche.

Uno tra tutti è l’attesissima finale del Premio Strega Ragazze e Ragazzi, svolasi alle 14.30 del 7 dicembre presso l’Auditorium. Sono Lisa Lundmark, Nadia Terranova, Mara Cerri e Francesco D’Adamo i vincitori della settima edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Lisa Lundmark con Jenny lo squalo, illustrato da Charlotte Ramel (La Nuova Frontiera Junior) per la categoria 6+, destinata a lettrici e lettori dai 6 ai 7 anni, con 9 voti su 11 espressi (ha ritirato il premio l’illustratrice), Nadia Terranova e Mara Cerri con Il segreto (Mondadori Ragazzi) per la categoria 8+, rivolta alla fascia dagli 8 ai 10 anni, con 14 voti su 33 espressi, e Francesco D’Adamo con Giuditta e l’orecchio del diavolo (Giunti Editore) per la categoria 11+, destinata a lettrici e lettori dagli 11 ai 13 anni, con 325 voti su 778 espressi, sono stati i libri più votati dai giovanissimi lettori e lettrici provenienti dalle oltre 153 scuole, gruppi di lettura e biblioteche che compongono la giuria in Italia e all’estero (Monaco, Offenbach am Main, Parigi, Saint-Germain-en-Laye, Vienna).

Il premio per la traduzione, offerto da BolognaFiere, è stato assegnato a Lucia Barni per il libro Jenny lo squalo.

Anche quest’anno BPER Banca ha conferito riconoscimenti speciali nell’ambito del progetto “La Banca che sa leggere”, con l’intento di stimolare il giudizio critico di una generazione che anche sulla cultura dovrà costruire il proprio percorso futuro. BPER ha assegnato i premi in denaro per le migliori attività di lettura alla Scuola Città Pestalozzi dell’Istituto Comprensivo Centro Storico Pestalozzi di Firenze (Categoria 6+) e alla Scuola Primaria Europa Unita dell’Istituto Comprensivo Tetti Francesi di Rivalta di Torino (Categoria 8+). Il premio per la migliore recensione è stato assegnato ex aequo a Daniel Dario Iafrate dell’Istituto Comprensivo via Padre Semeria di Roma e a Matilde Matone dell’Istituto Comprensivo Giovanni Falcone di Grottaferrata (Categoria 11+).

Questo è solo uno dei tantissimi appuntamenti in scaletta che offre Più Libri Più Liberi, un faro nell’oceano della cultura. A parlarcene è Alessio Rega, editore del Gruppo Editoriale Les Flaneurs.

– Più Libri Più Liberi ormai appuntamento fisso del Gruppo Editoriale Les Flaneurs: come risponde Roma al suo principale evento editoriale?

I lettori romani rispondono sempre molto bene, motivo per cui i librai di Roma hanno chiesto lo spostamento della fiera in un altro periodo dell’anno per non perdere le vendite natalizie.

– Il primo giorno della fiera è solitamente quello che vede la partecipazione attiva delle scolaresche. Dalla tua esperienza, come si accontenta un target così difficile?

Con proposte mirate, molto legate alla loro età, fumetti e graphic novel in particolare, oppure albi illustrati.

– Sono previsti firmacopie delle tue case editrici durante la fiera?

Sono previsti numerosi firmacopie a partire da venerdì. In particolare per le nuove uscite di Emma Saponaro (Se devo essere una mela), Nicola Argenti (Di uomini e mostri), Ilaria Palomba (Vuoto).

– Qual è il giorno di maggiore affluenza e quale genere è mediamente più richiesto dai lettori di Più Libri Più Liberi?

Sabato e domenica sono i giorni di maggiore affluenza.

– Spesso, per un lettore appassionato, una fiera di tali dimensioni è davvero una sorta di paese dei balocchi. Con una così vasta scelta, perché far visita allo stand della Les Flaneurs Edizioni?

Abbiamo una vasta scelta, soprattutto per quanto riguardo la narrativa dove copriamo quasi tutti i generi cercando di offrire ai lettori libri di qualità.

Articolo precedenteCinquantesimo Sbandieratori Cavensi: inaugurazione della sala “Mimmo Sorrentino”
Articolo successivoNatale nel Comune di Centola: al via il programma di iniziative per il periodo natalizio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui