Sparatoria davanti la scuola “Alemagna”. Rapinatori in fuga, la testimonianza: “E’ stato terribile, sembrava un film”

0
249

Dieci interminabili minuti di terrore questa mattina davanti alla scuola primaria “Carlo Alberto Alemagna” di Salerno. Alle 13.15 circa, al suono dell’ultima campanella, sono stati avvertiti tre colpi d’arma da fuoco che hanno seminato il panico tra genitori e i bambini. Secondo una prima ricostruzione dei fatti si è trattato di un inseguimento dei carabinieri a due presunti rapinatori che si erano dati alla fuga, a bordo di un’auto dopo aver eluso un controllo. A quanto pare i due, poco prima, avevano messo a segno una truffa ai danni di anziani. Giunti davanti alla scuola, uno dei due occupanti dell’auto ha proseguito la sua corsa a piedi, urtando contro alcuni passanti e perdendo anche parte della refurtiva (mazzette da 50 euro). Ai colpi di pistola, tutti i presenti si sono si sono precipitati immediatamente dentro il cortile accolti prontamente dai collaboratori scolastici che, intuito il pericolo, hanno spalancato i cancelli per permettere a tutti i presenti di mettersi al riparo. “Quando vai a prendere i tuoi figli da scuola, tutto ti aspetti tranne una sparatoria davanti ai tuoi occhi”, è la testimonianza di Daniela, madre di tre figli, presente sul posto nel momento della sparatoria. “Avevo con me mia figlia, appena uscita da scuola e tanti bambini nella piazzetta stavano correndo e giocando. Alle 13.15 gli spari, da quel momento sono trascorsi 10 minuti di interminabile terrore. Mi sono girata credendo che fossero colpi d’artificio. Poi abbiamo visto i soldi sul marciapiede, un uomo che correva, il sangue del carabiniere ferito caduto a terra. Ho preso mia figlia per mano e siamo corsi dentro la scuola. Mio figlio che mi attendeva all’interno, appena mi ha visto mi ha chiesto cosa ci facessi lì e cosa stesse succedendo. Un bambino non smetteva di piangere. Sembrava di essere in un film ed io dovevo mostrarmi forte per i miei figli, ma sono ancora sconvolta”. Alle 13.30 tutti poi sono tornati all’aperto e hanno aiutato a raccogliere la refurtiva per restituirla alle forze dell’ordine. La ricerca dei rapitori e le indagini sono tutt’ora in corso da parte del nucleo radiomobile dei carabinieri di Salerno

Articolo precedenteBaronissi, Siniscalco nomina il nuovo direttivo della Lega: Affidate le deleghe per l’opposizione costruttiva alla Giunta Valiante.
Articolo successivoTutino al ’96, Salernitana vola al secondo posto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui