Badia di Cava de’ Tirreni, Vietri (FdI): “Nominare Rup per progetto di restauro”

0
85


“Il Governo assuma iniziative al fine di dare seguito alla validazione del progetto di restauro della Badia di Cava de’ Tirreni, nominando quanto prima il responsabile del procedimento”. Lo chiede la deputata di Fratelli d’Italia Imma Vietri in un’interrogazione al MiC. “Tra i percorsi campani in grado di unire patrimonio ambientale e culturale, una menzione particolare merita quello che conduce alla Badia di Cava de’ Tirreni, espressione, tra le più significative a livello non solo italiano ma europeo, della grande civiltà monastica benedettina sviluppatasi dall’età medievale e che tanto ha contribuito alla formazione della specifica identità culturale del nostro continente. Il complesso fu fondato nel 1011 da un nobile longobardo che, ritiratosi su una collina per condurvi una vita ascetica, ebbe la visione della Santissima Trinità sotto forma di tre raggi luminosi che uscivano da una roccia e lo portò a costruire un monastero con annessa una piccola chiesa. Successivamente (1079-1123) l’Abbazia fu ampliata e trasformata in basilica a più navate e si pose a capo di una vasta congregazione monastica”. “Il 28 aprile 2021 – ricorda Vietri – è stato validato il progetto di restauro della Badia di Cava, finanziato dal Ministero della Cultura per 1,5 mln; a distanza di 19 mesi dalla stesura di tale documento, si attende da parte del Soprintendente archeologia belle arti e paesaggio di Salerno la nomina del responsabile del procedimento (Rup), in sostituzione del precedente andato in pensione, per poter bandire la gara per i relativi lavori. Tale apparente ingiustificato ritardo rischia di compromette il finanziamento erogato e vanificare il lavoro svolto finora”. Il progetto, conclude, “valorizzerà l’Abbazia dal punto di vista architettonico, culturale, ambientale e turistico al fine di consentire il recupero della sua memoria storica e di rilanciare la sua funzione civile e religiosa” conclude Vietri.

Articolo precedenteAlluvione di Ischia, la Regione stanzia i primi 4 milioni
Articolo successivoIl Tribunale di Napoli accoglie il ricorso della Cisl Università. La nota del segretario De Simone

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui