Costiera e cassata? Un binomio possibile

0
85

Costiera e cassata? Un binomio insolito, ma possibile.

A Natale, infatti, anche nella Divina, come del resto in Campania, la cassata entra a far parte a pieno titolo dei dessert della tradizione locale, affiancandosi e “coronando” le tavole natalizie spesso già imbandite di struffoli, roccocò, mustaccioli solo per citarne alcuni tra i più rappresentativi, e dei particolarissimi susamielli che, in Costiera Amalfitana, trovano un’espressione senza dubbio unica nel proprio genere.

A Minori sicuramente una scelta buona ed autentica è quella della pasticceria e liquorificio Gambardella, che realizza una cassata (ovviamente) in stile più partenopeo che siciliano: la ricotta, le gocce di cioccolato, la frutta candita e l’inconfondibile glassa si uniscono in una gustosa simbiosi di sapori davvero piacevole per tutti coloro che sono appassionati del dolce più atteso del Natale.

Un buon abbinamento può essere quello con il liquore agrumino, realizzato con arance, limone e mandarino: ideale per stemperare il gusto deciso della cassata e restare a contatto con la stagionalità dei prodotti.

Articolo precedenteCammarota: “L’adesione al Salva Città? Una confessione di dissesto”
Articolo successivoRes, l’esperienza culinaria ai Laghi Nabi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui