L’Aisp avverte: “Noi ristoratori non chiuderemo più”

0
134

«L’Aisp – Associazione Imprese Salerno e Provincia – vuole dichiaratamente dissociarsi da tutte le innumerevoli situazioni di assembramento vissute in queste due settimane, ed alla lunga in questi mesi, avvenute in particolar modo nei weekend appena trascorsi in luoghi pubblici, taluni anche comunali». Così i componenti dell’associazione salernitana.
«Il settore della ristorazione, dell’intrattenimento ed il settore terziario tutto, ha subito le ingiurie di questi mesi additandoci come untori di una realtà e di un’emergenza che appartiene anche a noi, siamo tutti esposti alle stesse problematiche, perché le nostre attività sono fatte di noi, dei nostri dipendenti, dei fornitori, dei clienti, delle nostre famiglie – spiegano –
Per tali motivazioni vogliamo esplicitare che se dovesse esistere l’eventualità di ricadere in una zona di appartenenza, che costringerà esclusivamente la nostra categoria nuovamente a chiudere, noi nonostante tutto non chiuderemo, perché nelle realtà che difendiamo sono stati fatti troppi investimenti in merce, in adeguamenti alle norme anticovid, in acquisto di materiale sanitario e di merci, e ad abbiamo reso le nostre attività più sicure di una passeggiata su un lungomare cittadino; non possiamo più permettere e permetterci di accendere e spegnere le nostre attività come fossimo un semplice interruttore, perché questo determinato interruttore se si spegne del tutto manda in corto circuito un sistema intero e ad oggi il nostro paese non se lo può più permettere», concludono.

Articolo precedenteBlatte, topi e insetti nelle frazioni alte di Salerno, Melchiorre: “Subito interventi”
Articolo successivoCovid, De Luca: dati su vaccini in Campania sono fuorvianti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui